Sono ormai mesi che mi interrogo sul sistema comunicativo di Bersani. Il segretario Pd, non lo scopriamo oggi, spicca per la poca efficacia comunicativa. Ciò ha portato in questo anno a numerose situazione imbarazzanti, a cominciare dai famosi fischi che gli piovvero addosso a Sanremo dal loggione di notabili impellicciati. Come dimenticare, ancora, una delle ultime puntate di Annozero durante la quale il ghigno di Giulio Tremonti irrise apertamente, e per due ore, la pelata di Pierluigi?

Il problema del segretario non è, come pensa qualcuno, comunicativo. E’ un problema politico. Un linguaggio vago, sempre recriminatorio, è frutto di idee poco chiare. Nelle dichiarazioni di Bersani è rarissimo leggere una visione del mondo, una proposta per il futuro, una condanna netta di posizione avverse o un’adesione sincera ad affermazioni nella quali riconoscersi. Quando deve commentare qualcosa che ritiene inaudito, l’iperbole massima di Pierluigi è: “Allucinante” o al massimo “Oh ragazzi, ma siamo passi?”, come sottolinea con somma maestria Maurizio Crozza nell’imitazione di cui sopra.

A mio avviso il segretario del Pd dice poco perchè il Pd ha poco da proporre, schiacciato com’è da identità diverse, storie incompatibili, funzionariato ormai vetusto: la coperta è sempre cortissima e, su qualsiasi questione, il corpaccione democratico risulta sempre scoperto. Bisogna anche ammettere che a volte Bersani stupisce. Sempre ad Annozero, pungolato da Santoro e Giulia Innocenzi, in una puntata dedicata ai problemi del lavoro fu chiaro, conciso, convincente: anche Travaglio lo elogiò per le posizione nette.

Inauguriamo dunque questo “Dizionario” (pillole semi-quotidiane di perle bersaniane), non per avversione preventiva al Partito Democratico e al suo massima rappresentante. Ma al contrario, affinchè chi vuole possa rileggere il fila le dichiarazioni democratiche e valutarne da solo la reale consistenza politica. Cominciamo con un piccolo riepilogo delle ultime ore. Il timore è che sia davvero notevole, nei prossimi giorni, il volume del materiale al quale attingere.

23 Luglio
Napolitano: sulla crisi serve realismo. Bersani e le favole:  “Napolitano parla di realismo, una grande parola, perchè le favole non sono buone, i problemi ci sono, il catastrofismo non serve ma serve un’operazione di fiducia che viene dalla verità e dal fare qualcosa”.

22 Luglio
La Fiat va in Serbia? Bersani e il frutteto: “Berlusconi è impegnato nel frutteto con le mele marce”.
Tremonti difende la manovra. Bersani hippy: “I papaveri non pagano un euro”.
Berlusconi attacca i giornali. Bersani Trap: “: “Che faccia anche la vittima è paradossale, visto che se ne intende di media. Non è più in grado di tirare la palla avanti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Come trasformare un documentario in una soap

prev
Articolo Successivo

Caro Franco Cordelli

next