“E questo è il bunker di Mussolini”. Berlusconi non lo dirà a Dimitrij Medvedev accompagnandolo dalla Prefettura, dove si incontreranno venerdì, alla Provincia, scelta per la conferenza stampa.
Nel giardino tra i due edifici il Duce realizzò un rifugio antiaereo. Un luogo molto poco frequentato. Esiste un ben più agevole passaggio, ma sbuca nell’area della provincia che ospita gli uffici del Pd. L’hanno scoperto gli uomini del premier, guidati dal fidato Roberto Gasparotti. Lunedì un secondo sopralluogo e la decisione di creare un passaggio alternativo: una sorta di galleria, un tunnel di pannelli in legno, che sfiorerà il bunker mussoliniano ma ne coprirà la vista. È la prima volta che un incontro istituzionale esce dalla Prefettura. Ma Guido Podestà, generosissimo presidente della Provincia e ideatore di premi ad personam, avrà piacere a ospitare Medvedev nell’aula consiliare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fini invita all’intransigenza sulla questione morale e invoca “vere riforme”

prev
Articolo Successivo

Trombetta, Tromboni, Trombini…

next