Per il premier, Silvio Berlusconi, la ripresa economica “è una realtà confermata”. E in un messaggio audio ai Promotori della libertà li sprona a impegnarsi a “portare nei gazebo e sulle piazze questo messaggio di fiducia e di ottimismo”. Ma la manovra, aggiunge il capo del Governo, è necessaria. “C’è poi anche un altro messaggio importante che occorre trasmettere in questi giorni. Riguarda l’assoluta necessità della manovra economica, che è in linea con le richieste dell’Unione europea di ridurre la spesa pubblica, che da anni ormai supera il nostro prodotto nazionale”.

Spiega il premier: “Per coniugare rigore e sviluppo il nostro governo ha deciso di affiancare alla manovra alcune misure per la ripresa e per la liberalizzazione delle imprese. Abbiamo deciso di avviare una grande rivoluzione liberale, attraverso la quale diminuiremo l’oppressione burocratica, che è un peso altrettanto insopportabile, al pari dell’oppressione giudiziaria e di quella tributaria”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Cavaliere e la stagista ‘punzecchiata’ dalla Zanzara

prev
Articolo Successivo

Mondadori e quella causa “dirottata” sul binario morbido

next