Per il premier, Silvio Berlusconi, la ripresa economica “è una realtà confermata”. E in un messaggio audio ai Promotori della libertà li sprona a impegnarsi a “portare nei gazebo e sulle piazze questo messaggio di fiducia e di ottimismo”. Ma la manovra, aggiunge il capo del Governo, è necessaria. “C’è poi anche un altro messaggio importante che occorre trasmettere in questi giorni. Riguarda l’assoluta necessità della manovra economica, che è in linea con le richieste dell’Unione europea di ridurre la spesa pubblica, che da anni ormai supera il nostro prodotto nazionale”.

Spiega il premier: “Per coniugare rigore e sviluppo il nostro governo ha deciso di affiancare alla manovra alcune misure per la ripresa e per la liberalizzazione delle imprese. Abbiamo deciso di avviare una grande rivoluzione liberale, attraverso la quale diminuiremo l’oppressione burocratica, che è un peso altrettanto insopportabile, al pari dell’oppressione giudiziaria e di quella tributaria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Il Cavaliere e la stagista ‘punzecchiata’ dalla Zanzara

next
Articolo Successivo

Mondadori e quella causa “dirottata” sul binario morbido

next