» Politica
martedì 01/08/2017

Telecom, Genish è un po’ troppo “straniero”

Dopo Cattaneo - L’uomo voluto da Bolloré aspetta ancora il permesso di lavoro. Manovre renziane
Telecom, Genish è un po’ troppo “straniero”

Certo che la governance di Telecom Italia dopo la brusca rottura con l’amministratore delegato Flavio Cattaneo, con 25 milioni di buonuscita, si è fatta parecchio complicata. Il nuovo direttore generale Amos Genish, che oggi è responsabile della convergenza tecnologica per Vivendi, sta ancora aspettando il permesso di lavoro. È israeliano e, anche se è un […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

Cda “illegali”, Padoan salva banchieri e rampolli famosi

Politica

“No al Viminale: non si sale armati sulle nostre navi”

“Che guaio e adesso i boschi sono vulnerabili”
Politica
L’intervista

“Che guaio e adesso i boschi sono vulnerabili”

di
I commenti per questa discussione sono chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×