» Politica
domenica 14/05/2017

San Luca, vietato votare: nessuna lista per il 5° anno di fila

San Luca, vietato votare: nessuna lista per il 5° anno di fila

La politica ha abdicato alla ‘ndrangheta e San Luca resta commissariata. Per il quinto anno consecutivo non si voterà nel piccolo Comune della Locride, in provincia di Reggio Calabria. Così come l’anno scorso, anche nel 2017 nessuno ha presentato la lista per le comunali. Dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose e l’arrivo del commissariamento prefettizio, la politica continua a essere latitante in un territorio considerato la “culla” della ‘ndrangheta. Il Partito democratico non ha presentato alcuna lista. Eppure, sulla carta pare che ci sia addirittura un circolo del Pd a San Luca dove si sono svolte le primarie vinte da Matteo Renzi. Solo poche settimane fa, inoltre, il sottosegretario Maria Elena Boschi è stata nella cittadina per l’inaugurazione di un campo da calcio. “Non ci sono territori – aveva detto – in cui lo Stato rinunci a esserci e a combattere una battaglia di legalità contro la ‘ndrangheta”. E a rincarare la dose aveva provveduto il ministro dell’Interno, il dem Marco Minniti: “Non lasceremo sola San Luca e i suoi cittadini. Seguiremo con attenzione le prossime elezioni amministrative e sosterremo la voglia di cambiamento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

Vaccini, la Fedeli avvisa Lorenzin: “Meglio le multe per i genitori”

Gli anni del rinascimento e del buco nelle casse
Politica
La storia

Gli anni del rinascimento e del buco nelle casse

di
Un debito fuori dal bilancio mette nei guai la Appendino
Politica
Torino

Un debito fuori dal bilancio mette nei guai la Appendino

di
Rosario, che malafine. Meno poteri a Catania, Messina e Palermo
Politica
Gattopardi

Rosario, che malafine. Meno poteri a Catania, Messina e Palermo

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×