» Cronaca
martedì 21/03/2017

Locri si ribella ai writer della ’ndrangheta

Calabria - Scritte “meno sbirri, più lavoro” dopo l’incontro di Mattarella con le vittime. Don Ciotti: l’impegno dà fastidio
Locri si ribella ai writer della ’ndrangheta

“Meno sbirri più lavoro”. “Don Ciotti è sbirro. Siete tutti sbirri”. Potrebbe essere questione di ore. La caccia al writer della ’ndrangheta sembra destinata a finire presto. Pare ci sia almeno il filmato del soggetto che ha imbrattato i muri di Locri la notte dopo la visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca

Casa a Montecarlo: “Fini chiese aiuto al signore delle slot”

Mondo

Macron, l’outsider che ora fa paura a tutti i candidati

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×

Garantire la libertà de ilfattoquotidiano.it costa il prezzo di un cappuccino alla settimana.
Sostieni il nostro giornalismo a 60 euro l’anno o 5,99 euro al mese.

Diventa sostenitore
×