» Cronaca
sabato 23/09/2017

La crociata del sindaco leghista nel paese con un solo migrante

La crociata del sindaco leghista nel paese con un solo migrante

“Sì, siamo noi la scusa dell’ordinanza contro i richiedenti asilo”. Pacato, Diego Stella, 53 anni, informatico, risponde senza nascondersi. Siamo a Virle (Torino), paese con circa 1.200 abitanti e un solo profugo, Mamadou, trentenne del Mali. Ha un permesso di soggiorno umanitario, ma potrebbe non bastargli a vivere tranquillo. Qui il sindaco Mattia Robasto, 25 […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Economia

“Cara ministra, legge inutile senza i soldi”

Cronaca

Nei campi divisi per il colore della pelle. “Loro sono più bianchi, 10 euro in più”

Facce da Weinstein: adesso per gli Usa i sessisti saremmo noi
Cronaca
La storia

Facce da Weinstein: adesso per gli Usa i sessisti saremmo noi

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×