» Cultura
venerdì 03/03/2017

Julie’s, il pregio di non credersi più così bravi

Julie’s, il pregio di non credersi più così bravi

Ogni nuovo disco dei Julie’s Haircut – siamo al settimo in quasi vent’anni – rappresenta un passo ulteriore in un percorso artistico rigoroso, che dal rock’n’roll indie degli esordi è approdato man mano sulle terre vergini della sperimentazione. La musica dei Julie’s si è fatta col tempo sempre più introversa ma anche più affascinante. Invocation […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Un incubo stupendo, il nuovo album dei Management

Cultura

Tracce psichedeliche in nome dei Broadcast

La luce cantata in dieci lingue diverse (e tre inediti)
Cultura
Quintetto - Da un progetto di Paolo Fresu

La luce cantata in dieci lingue diverse (e tre inediti)

di
Beck sotto una buona luna non deluderà i suoi fans
Cultura
Colors - Il 13º lavoro del rocker californiano

Beck sotto una buona luna non deluderà i suoi fans

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×