» Cultura
venerdì 06/10/2017

Il Salone del Libro si adegua alla linea: meno soldi e più spese

Due ministeri fuori dalla Fondazione: da Roma arrivano solo 300 mila euro e lo spazio va all’asta
Il Salone del Libro si adegua alla linea: meno soldi e più spese

Tutto sembrava essere sistemato, invece il Salone del libro di Torino vive ancora un momento di cambiamento, incertezze e rilanci. In sequenza, dopo l’addio dell’Associazione italiana editori dalla Fondazione per il libro nel 2016, dopo le inchieste che hanno coinvolto l’ex presidente Rolando Picchioni, alcuni ex consiglieri e funzionari e dopo la nascita della rassegna […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Pressburger, l’anima della Mitteleuropa

Cultura

Torino, “gnommero” non fa rima con business

Palermo, incubo Isis per il Festino di Santa Rosalia
Cultura
D. C. (Dopo Christie)

Palermo, incubo Isis per il Festino di Santa Rosalia

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×