» Mondo
lunedì 08/05/2017

I nati al posto sbagliato nella palude Belgrado

Sono la merce di scambio umana tra l’Ue e la Serbia per il suo ingresso nell’Unione: circa 5 mila profughi, bloccati nella capitale dal marzo 2016
I nati al posto sbagliato nella palude Belgrado

Fazal Amin ha 22 anni ed è arrivato dall’Afghanistan. “Da quanto tempo sei qui?”, gli chiedo. “Non molto”, dice. “Un anno”. Ha provato a entrare in Croazia 35 volte. E 7 volte in Ungheria. Circa 5 mila profughi sono bloccati in Serbia ormai da mesi. Dal 18 marzo 2016, per l’esattezza. Da quando l’Unione Europea […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Commenti

Che dovrebbero dire i meridionali viste le poche tappe assegnate?

Mondo

La follia come politica del mondo

“Xi il fustigatore ha in mente una nuova Cina”
Mondo
L’intervista

“Xi il fustigatore ha in mente una nuova Cina”

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×