» Politica
venerdì 03/03/2017

E Milano votò (a porte chiuse): “Ruby” Cocco è nipote di Mubarak

L’assessore - Il consiglio comunale nega il conflitto di interessi della manager
E Milano votò (a porte chiuse): “Ruby” Cocco è nipote di Mubarak

Lunedì 27 febbraio 2017 è successa a Milano una cosa che non accadeva dal 1993: il consiglio comunale si è riunito a porte chiuse e si è espresso a voto segreto. Bisogna tornare alla Milano di Tangentopoli, scossa da Mani pulite, per trovare qualcosa di simile. Il Comune blindato per impedire a stampa e cittadini […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

La commissione parlamentare su Moro ricostruirà l’esecuzione in via Montalcini

Commenti

Dignità della morte: la viltà dei politici

Di Maio finge di correggere Cancelleri
Politica
Il caso

Di Maio finge di correggere Cancelleri

di
L’amnesia di Walter, l’ego di Matteo
Politica
Il commento

L’amnesia di Walter, l’ego di Matteo

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×