/ Cervelli in fuga

Ingegnere nucleare in Francia. “In Italia avere il dottorato non paga. Mandato decine di cv senza risposta”

“In Italia ero un laureato senza futuro. Qui a Città del Messico insegno italiano e la mia vita è straordinaria”

“In Norvegia abbiamo trovato tempo e felicità. In Italia troppi straordinari: non respiravamo più”

Architetto in Cina. “In Italia favoritismi e parcelle da rincorrere. Shenzhen ogni giorno è diversa”

Pensionato alle Azzorre. “Sono in un paradiso dove la vita costa meno. E qui ci sono opportunità per i giovani”

“A New York il lavoro è stimolante, ma il sogno americano è da ridimensionare. Qualità di vita bassa e stressante”

Ingegnere informatico a Bruxelles. “A Milano non tornerei neanche se mi raddoppiassero lo stipendio”

Ingegnere in Uk. “Qui mi sento realizzato. Se l’Italia non cambia ci sarà un’emigrazione di massa”

Attore in Francia. “L’Italia monopolizza i miei sogni. Ma lì non ci sono le condizioni per lavorare”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×