/ / di

Tomaso Montanari Tomaso Montanari

Tomaso Montanari

Storico dell'arte

Sono nato nel 1971 a Firenze, dove vivo. Studio il Barocco romano, e insegno Storia dell’Arte Moderna all’Università ‘Federico II’ di Napoli.

Sono convinto che gli storici dell’arte servano a fare entrare le opere d’arte nella vita intellettuale ed emotiva di chi si occupa di tutt’altro.

Penso anche che l’amore per la storia dell’arte non debba essere un fatto privato (o peggio un’evasione, o un modo per non pensare), ma pubblico e ‘politico’. L’articolo 9 della Costituzione ha, infatti, mutato irreversibilmente il ruolo del patrimonio storico e artistico italiano, facendone un segno visibile della sovranità dei cittadini, dell’unità nazionale, e dell’eguaglianza costituzionale, perché ciascuno di noi (povero o ricco, uomo o donna, cattolico o musulmano, colto o incolto) ne è egualmente proprietario.

Ma tutto questo è assai difficile da capire, perché oggi la storia dell’arte non è più un sapere critico, ma un’industria dell’intrattenimento ‘culturale’ (e dunque fattore di alienazione, di regressione intellettuale e di programmatico ottundimento del senso critico). Strumentalizzata dal potere politico e religioso, banalizzata dai media e sfruttata dall’università, la storia dell’arte è ormai una escort di lusso della vita culturale.

È per questo che oggi non basta fare ricerca e insegnare, ed è per questo che ho scritto A cosa serve Michelangelo? (Einaudi 2011), La madre dei Caravaggio è sempre incinta (Skira 2012), Le pietre e il popolo (minimum fax 2013), Istruzioni per l’uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà (minimum fax 2014).

Collaboro col “Fatto” e col “Corriere della Sera” nel dorso del Mezzogiorno. Collaboravo anche al “Corriere fiorentino”, ma il mio libro Le pietre e il popolo, dedicato in parte all’uso del patrimonio culturale come arma di distrazione di massa da parte di Matteo Renzi mi ha messo fuori «dalla linea del giornale». Pazienza: mi sono consolato col premio Giorgio Bassani di Italia Nostra per il giornalismo culturale, e con la coccarda di Commendatore, assegnatami – dopo la denuncia del saccheggio della biblioteca napoletana dei Girolamini – dal Presidente della Repubblica, «per l’impegno a difesa del nostro patrimonio».

Blog di Tomaso Montanari

Cultura - 16 aprile 2013

Dalla Costituzione alla prostituzione: il piano dei Saggi per il patrimonio

Tra le perle contenute nell’agenda economica prodotta dal collegio di cervelli nominati da Napolitano c’è anche questa ideona: «Allo scopo di moltiplicare i luoghi in cui rendere accessibile il patrimonio culturale disponibile, si potrebbero sperimentare forme di prestito oneroso ai privati … di parte delle opere attualmente chiuse nei magazzini, così da finanziare con il ricavato […]
Cultura - 7 aprile 2013

Alberto Sordi, la Madonna, il Papa e la legge

La storia è per certi versi straordinaria: per altri, terribilmente ovvia. Alberto Sordi era notoriamente assai sorvegliato nelle spese. Ma era anche molto devoto. Così non stupisce troppo che l’unico oggetto d’arte di vero pregio che possedesse fosse una Madonna: non addirittura una «pala» d’altare (come si è scritto), ma un quadro da stanza del secondo […]
Elezioni 2013 - 31 marzo 2013

Stallo politico: ma quale realismo?

Nel cuore della notte della Resurrezione papa Francesco implora: «Non chiudetevi alla novità!». Poche ore prima, un presidente quasi novantenne e sulla soglia del mandato insedia una specie di consiglio di reggenza, ignoto alla Costituzione, la cui unica missione è chiudere alla novità. A questo drammatico risultato ci trascina il cannibalismo del Caimano, l’incapacità suicidiaria […]
Politica - 20 marzo 2013

Pd: coraggio lascia i vecchi e punta tutto su un Rodotà

Secondo gli intramontabili guru della politologia italica gli ‘intellettuali’ che si sono rivolti al Movimento 5 stelle perché non getti via la straordinaria possibilità di cambiamento che ha contribuito a creare sono degli ingenui, indegni epigoni della tradizione che dette al mondo Nicolò Machiavelli. Peggio: sono (siamo, visto che ho firmato anche io) incapaci di […]
Elezioni 2013 - 13 marzo 2013

Il senso del nostro appello a Beppe Grillo

A cosa servono gli intellettuali? A far capire, per esempio, che non ha senso parlare di ‘intellettuali’ in genere. Per avere un’opinione fondata, il primo passo è distinguere. Non giudicare in base alle appartenenze, ma al merito delle cose e delle parole. Il fatto che l’appello a Beppe Grillo e al Movimento 5 Stelle sia […]
Elezioni 2013 - 11 marzo 2013

Movimento 5 Stelle e governo: se non ora quando?

Ho deciso di essere tra i promotori dell’appello a Beppe Grillo e al Movimento 5 stelle voluto da Barbara Spinelli, e da sabato online sul sito di «Repubblica», perché non voglio più aspettare. Per metà della mia vita ho vissuto in un Paese sfigurato dall’illegalità eretta a sistema da Silvio Berlusconi, dove ogni principio fondamentale […]
Ambiente & Veleni - 9 marzo 2013

La strada del Papa soffocata dal cemento

La più bella delle strade dell’antichità (l’Appia, regina viarum) fu a stento salvata dal grande Antonio Cederna, in una battaglia contro il cemento culminata vent’anni fa con la creazione del Parco. Oggi la partita si gioca sulla regina delle strade dell’età moderna, quella Via Giulia che corre parallela al Tevere nel cuore di Roma, un’“utopia […]
- 4 marzo 2013

L’Aquila 5 maggio. Storici dell’arte e ricostruzione civile

Il prossimo 5 maggio gli storici dell’arte italiani sono chiamati a riunirsi all’Aquila. È la prima volta che tutti gli storici dell’arte si incontrano: senza distinzioni tra insegnanti di scuola, professori universitari, funzionari del Mibac o di altri enti, studenti, dottorandi, laureandi, pensionati. Lo faranno a L’Aquila, perché se nella distruzione del monumentale centro della […]
Elezioni 2013 - 22 febbraio 2013

Una politica di sinistra per il patrimonio artistico

Mai come ora è vitale andare a votare. E, per quanto mi riguarda, mai come ora è vitale votare a sinistra. Il primo obiettivo è risvegliarsi dall’incubo di Silvio Berlusconi: e dunque votare chi può vincere, e cioè la coalizione Italia Bene Comune, con Pier Luigi Bersani candidato premier. Ma all’interno di quella coalizione credo […]
Cultura - 18 febbraio 2013

Leonardo e Monna Lisa: se il giornalismo storico-artistico non esiste più

«Se dichiaro di aver visto a occhio nudo il Bosone di Higgs nel mio salotto, mi portano alla neuro: ma se il primo che passa sostiene di aver scoperto un Michelangelo, un Leonardo o un Caravaggio, il circo mediatico lo porta, immediatamente, in trionfo. Quando si parla di storia dell’arte tutto è possibile: in Italia […]
Pulitzer 2013, vincono il New York Times e lo scrittore Adam Johnson
Ordini professionali, chi rappresenta gli architetti?

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×