/ / di

Shady Hamadi Shady Hamadi

Shady Hamadi

Scrittore

Sono nato a Milano nel 1988, da mamma italiana e padre siriano. Collaboro con ilfattoquotidiano.it occupandomi di medioriente, in particolare di Siria. Ho scritto diversi libri, l’ultimo è “Esilio dalla Siria. Una lotta contro l’indifferenza”, Add editore, 2016.

Blog di Shady Hamadi

Mondo - 7 dicembre 2015

L’Isis ci ha già conquistati e sconfitti

E’ inutile parlare di come sconfiggere l’Isis quando non ci rendiamo conto che è già in mezzo a noi. Domina la nostra vita quotidiana, le nostre percezioni e, perfino, la nostra visione di ciò che è giusto e di ciò che è sbagliato. Con l’Isis abbiamo perso quando abbiamo cominciato a vedere solo le gesta […]
Mondo - 1 dicembre 2015

Siria: le bombe di Putin sono intelligenti?

“Esportazione della democrazia” e “bombe intelligenti” sono espressioni che riecheggiano nell’immaginario collettivo richiamando gli spettri dell’intervento degli Stati Uniti in Iraq. “Le bombe intelligenti”, nel decalogo delle definizioni dispregiative usate da una certa parte del movimento pacifista italiano e da alcuni partiti di sinistra, non possono che essere quelle americane o di qualche Stato appartenente […]
Mondo - 26 novembre 2015

Siria: ‘Adesso parlo io’, lettera di una vittima dimenticata

Adesso parlo io. Adesso mi ascoltate perchè sono io la vittima. Come mi chiamo non ha importanza. Io vivo ad Aleppo, a Damasco, ad Hama, a Homs e in tutte le città della Siria. Non mi importano i discorsi sulla geopolitica che vi permettete di fare nei vostri salotti a Parigi, Roma, Ryad o Mosca. […]
Mondo - 24 novembre 2015

Isis, non ho niente da cui dissociarmi

Pare strano dirlo, ma non mi dissocio dall’Isis perché non mi sono mai associato a loro. Neanche le persone di fede musulmana che abitano nel nostro Paese, l’Italia, dovrebbero dichiarare costantemente, più volte al giorno, anche in fila alle casse del supermercato, di doversi dissociare dall’Isis. La colpa di pochi non può essere quella di tutti. Non […]
Mondo - 23 novembre 2015

Siria: Muhammad Dibo, uno scrittore nelle carceri di Assad

Mi sono preparato molto prima di incontrare Muhammad Dibo. Ho letto diverse sue interviste rilasciate alla stampa araba. Raccontava cose terribili riguardo al carcere in Siria. Nei giorni precedenti al nostro incontro, mi sono domandato come avesse fatto a sopravvivere alle torture e come fosse la sua vita fuori dal carcere. Mi ero immaginato un […]
Società - 19 novembre 2015

Terrorismo e Islam: quando ho scoperto di essere un musulmano moderato

Confesso: non lo sapevo di essere un musulmano moderato. Mi hanno sempre chiamato per nome. Fino a qualche anno fa, mi è capitato poche volte di dover dichiarare che fede professassi. Poi è arrivato l’11 settembre e ho capito che qualcosa stava cambiando. Quando sentivano il mio nome, che definivano arabeggiante, cominciavano a chiedermi se […]
Mondo - 17 novembre 2015

Siria: buon compleanno, padre Paolo Dall’Oglio

Ovunque tu sia, buon compleanno, padre Paolo. Da due anni non abbiamo tue notizie. Avevi scelto di intraprendere il tuo viaggio a Raqqa. Dovevi adempiere alla tua missione di dialogo e di salvezza per noi siriani. Che cosa diresti in questo momento? Sei informato di quello che succedde? Mi sono domandato durante innumerevoli notti insonni […]
Mondo - 16 novembre 2015

Attentati Parigi, siamo tutti coinvolti

Fa strano aprire Facebook e trovare una marea di  profili con la foto della bandiera francese. Siamo tutti convolti. Le vittime siamo noi, perché è il nostro mondo – nel senso culturale, identitario e geografico – a essere stato attaccato da un pezzo di quel mondo che è oltre la nostra fortezza del benessere. Ieri […]
Mondo - 14 novembre 2015

Parigi sotto attacco: la colpa è dell’Islam (?)

“E’ l’Islam il problema. La violenza che vediamo è il naturale frutto di una religione violenta” è questa l’idea che si diffonde a macchia d’olio in queste ore. Era la stessa idea che dilagava nelle ore, e nei giorni, dopo la strage di Charlie Hebdo. Tutte le responsabilità sono affidate a questa fede che sarebbe […]
Diritti - 3 settembre 2015

Migranti: se la foto del bambino trovato morto è monito contro la guerra, guardiamola il più possibile

E’ inutile pubblicare la foto del bambino trovato morto sulla spiaggia turca. Dovremmo provare a lasciare almeno la dignità della morte a quel bambino, senza che perfino la sua morte, il suo cadavere, diventi un’immagine virale che serve a ricordarci quello che già sappiamo. Non lo sappiamo che in Siria c’è la guerra? Non lo […]
Egitto, quando il giornalismo è un reato
Thailandia e Israele, due storie dall’inferno

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×