/ / di

Silvia D’Onghia Silvia D’Onghia

Silvia D’Onghia

Giornalista

Barese di nascita, migrante di adozione. Mi sono laureata in lettere classiche a Bologna (studiando la mattina, insegnando danza di pomeriggio!) e ho cominciato a fare la giornalista in una tv di Modena. Sono passata presto alla carta stampata, per i quotidiani locali di Modena e Rovigo che uscivano in tandem con La Stampa, occupandomi di cronaca nera e giudiziaria. Ricordo ancora che il primo giorno, dopo aver dovuto cercare la foto di un ragazzo morto in un incidente stradale, tornai a casa rimpiangendo di non aver continuato a fare la ballerina. E invece poi la cronaca è diventata il mio pane, la mia passione. Nel 2002 sono approdata a Roma, dove ho curato per un anno l’ufficio stampa di un’associazione che si occupa di bambini sordi. Per sei anni, poi, ho lavorato in radio, prima per un’agenzia di stampa radiofonica, poi per la storica Radio Città Futura, dove ho condotto per un anno un programma pomeridiano. Nell’estate scorsa, la chiamata della vita (o così, almeno, mi auguro che sia).

Articoli Premium di Silvia D’Onghia

Cronaca - 23 febbraio 2017

Aborto, i vescovi e Lorenzin contro i non obiettori

In un Paese normale, in cui i diritti delle donne vengono riconosciuti non soltanto dalle leggi, questa non sarebbe neanche una notizia. Ma in un Paese come il nostro, che registra quasi il 70 per cento di medici obiettori di coscienza, questo diventa un caso nazionale e, di più, rischia di trascinarsi per anni nelle […]
Cronaca - 20 febbraio 2017

Matteo e gli “amici”: ovvero, quando il boss è da classifica

Si fa presto a dire Matteo. Ci sono anche Rocco, Attilio, Marco, Giuseppe e Giovanni. Che non sono i componenti di un nuovo esecutivo, né i discepoli di qualche improvvisata setta. O forse sì, quella del crimine, che però tanto improvvisata non è. Sono i nomi dei sei super latitanti più pericolosi (e ricercati) d’Italia. […]
Cultura - 8 febbraio 2017

La corda sottile che lega matrimonio e disinganno

Ogni volta che un marito muore, una corda viene spezzata. Può essere una corda d’amore, certo, possono essere gioia e intimità, oppure una vita costruita sull’inganno. O meglio ancora, la rete che tiene insieme tutto, realtà e finzione, abitudini e segreti, sorrisi e lacrime. Il che non significa affatto che sia stata una vita infelice. […]
Cultura - 23 gennaio 2017

Caro Baglioni, ma era necessario un cofanetto così tanto costoso?

La linea è sempre troppo sottile, anche quando ti chiami Claudio Baglioni, sei nella storia della musica italiana e hai venduto milioni di dischi in tutto il mondo. Fino a che punto si può chiedere ai propri fan di essere seguiti in un ulteriore cofanetto di vinili “in edizione limitata e numerata contenente gli storici […]
Cultura - 21 gennaio 2017

La vera storia di “Varichina”, il padre di tutti i Gay Pride

Quante volte capitava, da ragazzini, di fermarsi a pomiciare sulle panchine di piazza Cesare Battisti, prima che la rifacessero: all’improvviso, come dal nulla, arrivava da lontano una voce mezza urlata che faceva i complimenti. A lui, non a lei. E allora lo vedevi, quasi all’angolo di via Nicolai, e scattava la risatina. Lorenzo se ne […]
Italia - 16 gennaio 2017

Quelli che… i Cie erano campi di concentramento

I centri di identificazione degli immigrati assomigliano ‘a dei campi di concentramento, tanto è vero che il Parlamento ha negato che la permanenza possa essere aumentata a sei mesi’. Peccato che il governo, ponendo la fiducia, abbia prolungato la permanenza nei Cie fino a sei mesi”. Parola di Marco Minniti, quando ancora non era ministro dell’Interno. […]
Cronaca - 16 gennaio 2017

Rimasti al gelo tra i crolli: “Ci hanno abbandonati”

Urge mettere in sicurezza la chiesa e il campanile di Ospedaletto, frazione di Norcia”. “Terremotata di Preci cerca lavoro”. “A Cavriglia (Ar) raccolta di beni di prima necessità per gli abitanti di Muccia”. “Scai, Amatrice. Richiesta urgente per famiglia con bambino piccolo”. “Raccolta mangimi per allevatori di Ussita”. Più che una bacheca, è un bollettino: […]
Cronaca - 29 dicembre 2016

La meningite, la psicosi e le mamme: cronaca di dodici ore di “beep”

Beep, ore 00.05 di ieri: il terrore si manifesta sotto forma di un messaggio Whatsapp nella chat dei genitori (quella ufficiale, perché noi “mamme” ne abbiamo una a parte. Una per ognuno dei miei due figli, s’intende). “Scusate se vi scrivo a quest’ora, ma mi hanno appena dato questa notizia. Credo sia giusto che siate […]
Cultura - 21 dicembre 2016

“Faccio un talent: a Giochi spenti rischiamo l’oblio”

Mi definisco una ‘ritirata’. Ho avuto la fortuna di poter chiudere in bellezza e non potrei più dare quello che ho dato finora. E poi ho bisogno di cambiare vita”. È anche per questo che Tania Cagnotto ha sostituito il costume da piscina con quelli, più eccentrici, della danzatrice. Da stasera, ogni mercoledì alle 21.15, […]
Cultura - 17 dicembre 2016

“Avrai”: Baglioni per il Bangui e i terremotati

La vita non è fatta di exploit: se uno lascia un’offerta nel bussolotto delle elemosine e poi va dal commercialista per rubare allo Stato c’è qualcosa che non va. Così il nostro impegno a favore degli altri non dovrebbe essere uno spot”. Claudio Baglioni non è nuovo a iniziative benefiche. La fondazione “O’ Scià” – […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×