/ / di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 6 gennaio 2017

Altro che Intifada, l’arma palestinese è la demografia

Il numero di palestinesi e israeliani sarà pari alla fine del 2017”, fa sapere il nuovo rapporto del Palestinian Central Bureau of Statistic, usando il termine ‘israeliani’ per indicare solo i cittadini ebrei di Israele. L’istituto stima che attualmente ci siano 6,41 milioni di palestinesi nella “Palestina storica” –​- considerata dal PCB la zona che […]
Mondo - 5 gennaio 2017

Azaria, il soldato che spacca in due Israele

Per la prima volta le proteste e gli scontri con la polizia israeliana avvenuti a Tel Aviv durante tutta la mattinata di ieri hanno avuto come protagonisti non i palestinesi che vivono entro i confini di Israele o nei Territori Occupati, bensì gli ebrei ultranazionalisti e di estrema destra sempre più numerosi, a giudicare dai […]
Mondo - 4 gennaio 2017

Donne e bruti, Bangalore come Colonia

Per le donne di Bangalore, come per quelle di Colonia l’anno scorso, la celebrazione del Capodanno si è trasformata in un incubo. Il problema della violenza sessuale in India non è nuovo. Ma la stampa internazionale e locale lo hanno ignorato a lungo fino a quando nel 2012 una studentessa universitaria di Delhi venne brutalmente […]
Mondo - 2 gennaio 2017

A Erdogan manca anche il salvagente curdo

Per la prima volta da quando, nel luglio del 2015, è fallita per volere del presidente Recep Tayyip Erdogan la tregua tra l’esercito turco e i guerriglieri curdi del Partito dei lavoratori –il Pkk di Ocalan – le autorità turche non li hanno inseriti tra i possibli autori di questo ennesimo massacro. Anche se alcune […]
Mondo - 31 dicembre 2016

La guardia del Cremlino con Donald alla Casa Bianca

Non c’è dubbio che Obama stia facendo di tutto per mettere il bastone tra le ruote a Trump per contrastare l’asse col Cremlino. Intenzione mostrata da The Donald fin dall’inizio della campagna elettorale quando mise a capo del proprio staff l’avvocato Paul Manafort, chiamato anche il “lobbista dei torturatori”. Manafort in questi ultimi 10 anni […]
Mondo - 30 dicembre 2016

“Netanyahu indagato” scavalcato dal falco Bennett

Nell’attesa che il detestato Obama se ne vada e l’amico Donald Trump si insedi alla Casa Bianca per aiutarlo a far digerire all’Onu il piano di espansione delle colonie ebraiche nei Territori palestinesi occupati – nonostante la risoluzione di sabato passata al Consiglio di sicurezza –, il primo ministro Benjamin Netanyahu dovrà probabilmente affrontare in […]
Mondo - 29 dicembre 2016

Le colonie come Fort Alamo Trump: resistete che arrivo

Nel giorno in cui il Segretario di Stato americano uscente, John Kerry, ha tenuto il suo primo e ultimo discorso sulla propria “visione completa” del processo di pace israelo-palestinese in stallo da anni – “Non si può ignorare la minaccia che gli insediamenti dei coloni israeliani rappresentano per la pace, Gerusalemme deve essere Capitale di […]
Mondo - 21 dicembre 2016

Il santone capro espiatorio per ogni occasione

Ancora una volta, a solo poche ore dall’omicidio dell’ambasciatore russo ad Ankara, le autorità turche hanno ipotizzato che il poliziotto assassino del diplomatico sia un seguace di quello che da almeno tre anni è considerato il nemico pubblico numero uno di Erdoganland, vale a dire proprio l’ex mentore del capo dello stato turco: il teologo […]
Mondo - 17 dicembre 2016

Lo Zar e il Sultano: ecco i nuovi padroni d’Oriente

Il presidente americano uscente Barack Obama ha telefonato al collega turco Recep Tayyip Erdogan per lodare i suoi sforzi mirati all’evacuazione dei civili di Aleppo est, riconquistata dall’esercito di Assad con l’appoggio dalle milizie sciite iraniane, libanesi e dall’aviazione russa. Evacuazione in corso dopo l’accordo sancito proprio tra Russia e Turchia ma diventato operativo solo […]
Mondo - 13 dicembre 2016

Tutti gli uomini di McCain contro Trump il “traditore”

Ormai è evidente che Trump sarà non solo il presidente degli Stati Divisi d’America, come ha titolato in copertina Time, ma anche del Partito repubblicano. In attesa della divulgazione del rapporto della Cia sulle interferenze russe richiesto da Obama la settimana scorsa sta aumentando di ora in ora l’adesione di esponenti di spicco del Gop […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×