/ / di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 18 marzo 2017

Sindaco italiano “pro-curdi” arrestato all’aeroporto di Istanbul: “Fatto surreale”

Ankara, dopo aver arrestato decine di sindaci dell’Hdp, il partito filo curdo, ora è passata a quelli italiani, rei di sostenere i diritti umani di questo popolo martoriato”. Sono le prime parole che pronuncia il sindaco Massimiliano Voza appena sbarcato dal volo Istanbul-Fiumicino dopo aver passato la notte rinchiuso in una camera di sicurezza del […]
Mondo - 12 marzo 2017

Erdogan evoca il nazismo e si becca Rutte: “È folle”

Nella logica imperialista post moderna del presidente turco Erdogan, se i tedeschi e gli austriaci sono nazisti, gli olandesi non possono essere altro che “avanzi di nazismo”. Il Sultano ha scagliato per la terza volta in una settimana l’infamante accusa nei confronti delle autorità tedesche, austriache e olandesi per aver impedito ai propri ministri di […]
Mondo - 10 marzo 2017

La faida dei curdi fa felice il Sultano turco

Nell’area yazida di Sinjiar, nel nord dell’Iraq, a circa 160 chilometri da Mosul, la tensione già forte tra i Rojava peshmerga e i guerriglieri curdo siriani delle Unità di Protezione Popolare (Ypg), si è trasformata in scontro aperto. Da una settimana i curdi siriani hanno ingaggiato una battaglia fratricida oltre confine, in territorio iracheno, che […]
Mondo - 8 marzo 2017

La generazione perduta cresciuta sotto le bombe

Nascere, vivere e morire sotto le bombe è stato il destino di migliaia di bambini siriani e, purtroppo, lo sarà ancora se i colloqui in corso a Ginevra non produrranno un ‘cessate il fuoco’, per ora piuttosto improbabile, in tutto il Paese mediorientale. Ma anche per i bambini che sono sopravvissuti a sei anni di […]
Mondo - 4 marzo 2017

Vedi Istanbul e poi pettinati. Il boom dei turisti calvi

Quando il taxi che ci sta portando in una delle tante cliniche di Istanbul specializzate in trapianto di capelli è costretto a fermarsi al semaforo di fianco allo stadio del Besiktas, Francesco gira la fronte stempiata e sembra realizzare per la prima volta dalla partenza da Bergamo perché la madre fosse così preoccupata. “Avevo visto […]
Mondo - 3 marzo 2017

Berta un anno dopo: omicidio senza verità

È passato un anno dall’omicidio di Berta Caceres, l’ambientalista e rappresentante del popolo lenca, etnia nativa dell’Honduras. Ma, dall’alba del 3 marzo 2016 quando il corpo di questa coraggiosa 45enne venne ritrovato crivellato di pallottole nella sua casa a La Esperanza, la lotta dei contadini indigeni per impedire la costruzione di dighe, miniere e zone […]
Mondo - 28 febbraio 2017

Erdogan e il tappeto rosso agli “altri” curdi

Per la prima volta nella storia della Turchia, la bandiera del Kurdistan iracheno è stata innalzata negli aeroporti di Istanbul e Ankara in occasione della seconda visita in poco più di una settimana del suo presidente Massoud Barzani. Questa inedita e , per certi versi, storica accoglienza voluta dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha […]
Mondo - 25 febbraio 2017

Sotto il sole della Florida The Donald resta un eroe

Davanti al Versailles sventola un’enorme bandiera americana agitata da Miguel Saavedra presidente dell’organizzazione non governativa Vigilia Mambisa che si occupa dei diritti degli esuli cubani negli Stati Uniti. Versailles, il più noto ristorante cubano di Miami, la città dove vive la più vasta comunità di cubani, è il punto di riferimento di coloro che per […]
Mondo - 17 febbraio 2017

I segreti della vittoria di Donald e l’amico lobbista dei torturatori

Colui che la primavera scorsa fu nominato da Donald Trump a dirigere la campagna elettorale per garantirgli la vittoria all’ultimo miglio, quello più difficile, potrebbe tramutarsi in colui che, assieme al “licenziato” Michael Flynn, contribuirà, suo malgrado, a fargli perdere la Casa Bianca in seguito all’inchiesta dei servizi statunitensi sulle telefonate intercorse tra membri del […]
Mondo - 29 gennaio 2017

Arroganza imperiale e diritti schiacciati. “È la democratura”

Se i dati ufficiali sottolineano che il presidente Vladimir Putin gode ancora di un alto indice di popolarità, nonostante le crescenti difficoltà economiche affrontate dai 146 milioni di abitanti della Federazione causate dalle spese militari in continuo aumento, oltre alle sanzioni imposte dall’Occidente per la questione ucraina assieme a ulteriori restrizioni dei diritti civili, è […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×