/ / di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 25 maggio 2017

“E Trump li chiama ‘sfigati’ ma vende armi a chi foraggia l’Isis”

“Non è un caso che nel commentare l’orribile strage di Manchester, Trump abbia definito i membri dell’Isis con l’aggettivo loser, che significa ‘perdenti’ o ‘sfigati’, termini che usano gli squali di Wall Street, gli speculatori, gli affaristi e i conduttori dei diseducativi talent show, quale è rimasto Trump”. Abraham Yehoshua comincia così, partendo dalla strage […]
Mondo - 22 maggio 2017

Donald il Colono occupa la Terra Santa

The Donald arriverà oggi per la prima volta in Israele accompagnato dal genero-consigliere Jared Kushner. Il marito di Ivanka Trump – che secondo alcuni media sarebbe coinvolto nelle indagini del Russia-gate – è membro di una ricca famiglia ortodossa legata da stretta amicizia al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e nota per le generose donazioni […]
Mondo - 21 maggio 2017

L’Iran è stufo dell’isolamento e sceglie Rohani

La rielezione con il 53 per cento dei voti, e una partecipazione che ha toccato il 70 per cento, dell’ayatollah moderato Hassan Rohani alle presidenziali iraniane non è la vittoria di una guerra, ma di una battaglia cruciale sì. La guerra è quella tra il clero oscurantista e quello progressista iniziata dopo la morte del […]
Mondo - 18 maggio 2017

Johnston, il biografo di Trump: “The Donald è come il boss di una gang: chiede fedeltà ma non si fida”

Nella dettagliatissima inchiesta su The Donald divenuta best seller, il più autorevole giornalista investigativo Usa, David Cay Johnston, il premio Pulitzer evidenza i legami tra famiglia Trump e criminalità organizzata. Nel libro Trump pubblicato in Italia da Einaudi emerge la totale mancanza di scrupoli anche del padre del tycoon. Il comportamento tenuto da Trump con […]
Mondo - 15 maggio 2017

Il missile di Kim, prova di forza contro Pechino

Con un solo missile, Kim Jong un è riuscito a umiliare tutte e tre le superpotenze del pianeta: Usa, Cina e Russia, riunite, assieme a un centinaio di delegazioni, a Pechino in occasione dell’inaugurazione della Nuova Via della Seta. Il missile ancora più pericoloso di quelli lanciati finora – 7 in 130 giorni – dato […]
Mondo - 6 maggio 2017

Le dame in bianco e i destini paralleli dei due Lopez

La libertà di stampa in Venezuela è compromessa da tempo, ma Internet ancora funziona e il tam tam via social è l’unico modo per l’opposizione di far sapere cosa accade e accadrà. Succede pertanto che mentre il presidente Maduro balla in una trasmissione televisiva, fuori dalle finestre dello studio, la polizia schiaccia sotto le ruote […]
Mondo - 4 maggio 2017

Da Assad all’Isis, pulizia etnica alla siriana

I tagliagole dello Stato islamico tra lunedì e martedi hanno fatto irruzione nel campo profughi di Al Hol, al confine tra Iraq e Siria, sgozzando e massacrando almeno 37 persone tra i quali alcuni bambini. L’informazione è stata diffusa dall’ong italiana “Un ponte per” operativa nell’area. Questa ennesima dimostrazione di brutalità da parte dello Stato […]
Mondo - 3 maggio 2017

L’Unesco taglia fuori Israele da Gerusalemme. L’Italia stavolta dice No

Questa volta l’Italia ha detto ‘no’ alla nuova risoluzione dell’Unesco sullo status dei luoghi di culto a Gerusalemme. Ma il documento è passato comunque grazie ai voti favorevoli e all’astensione di molte nazioni. Il testo è stato approvato grazie a 22 voti a favore e 23 astensioni. Tra i dieci che si sono opposti, oltre […]
Mondo - 29 aprile 2017

Venezuela, ingiusto Maduro: il dittatore senza qualità con la paranoia di Chávez

A quanto pare, Nicolas Maduro le negoziazioni le vuole fare solo fuori casa. Ritenuto il mediatore che l’anno scorso ha maggiormente contribuito alla storica firma dell’accordi di pace tra lo Stato della Colombia e i guerriglieri delle Farc, l’ex capo del sindacato dei trasporti pubblici di Caracas, in patria sta smantellando la dinamica dei contrappesi democratici […]
Mondo - 27 aprile 2017

La purga infinita: Erdogan e l’incubo della rete gulenista

La Turchia rimane nell’occhio del ciclone non solo per il controverso risultato del referendum costituzionale del 16 aprile: sospetti brogli che la Corte suprema elettorale (Isk) ha tuttavia accettato come legali, cambiando le regole a “gioco” concluso. La notte scorsa, le forze dell’ordine hanno compiuto l’ennesima retata di presunti “gulenisti”, gli affiliati della potente lobby […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×