/ / di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 12 dicembre 2016

Bomba al Cairo contro i copti (e al Sisi): 25 morti

Da tre giorni Il Cairo è di nuovo nella morsa del terrorismo. Dopo le due esplosioni che venerdì scorso avevano causato la morte di sei poliziotti, ieri 12 chili di tritolo hanno fatto a pezzi 25 fedeli cristiano copti, tra i quali molte donne e sei bambini, oltre ad aver causato mutilazioni e ferite gravi […]
Mondo - 11 dicembre 2016

Intrigo kazako, Parigi dice niet a Mosca

L’intricata vicenda dell’ex banchiere e dissidente politico kazako Mukhtar Ablyazov, marito di Alma Shalabayeva diventata nota in Italia per essere stata prelevata con la forza a Roma dalla polizia, a fine maggio 2013, ed estradata in Kazakhstan con la figlia di sei anni, sembra essere giunta a una svolta. Il Consiglio di Stato francese ha […]
Mondo - 10 dicembre 2016

Sindrome turca “Gli chef stranieri qui per spiarci”

Gli occhi del potere in Turchia si infilano ovunque. Questa volta sono entrati anche negli studi televisivi dei programmi di cucina e hanno osservato sospettosi, tanto da sembrare paranoici, “le prove dei cuochi” stranieri, i loro spostamenti nelle varie regioni del paese per conoscere le numerose pietanze frutto delle tradizioni culinarie delle culture che hanno […]
Mondo - 6 dicembre 2016

Siamo tutti Sì(oux). La mezza vittoria degli anti-Trump

Dopo 8 mesi di protesta pacifica, gli indiani hanno sconfitto i cow boy, ma solo quelli cattivi, perché con gli altri hanno formato un’alleanza. Non è il finale di una favola ma, per una volta, la realtà. Che però è, si sa, ben più complessa delle fiabe e può spesso riservare nuove sgradite sorprese. La […]
Mondo - 4 dicembre 2016

Donald “lo scardinatore” fra strategia e ignoranza

Per il suo primo incidente diplomatico, Donald Trump ha scelto nientedimeno che la Cina, l’unica vera potenza che da anni fa paura allo Zio Tom. Non che non ci fossero già state avvisaglie, ma un conto è ciò che si dice in campagna elettorale, un conto è la prudenza diplomatica richiesta, almeno nella fase di […]
Mondo - 3 dicembre 2016

“Mad dog”, il mastino della Difesa Usa

Gli americani amano formare acronimi e darsi soprannomi. L’ipotesi di avere un ministro della Difesa noto come “Jim cane pazzo”, non sembra pertanto aver impressionato i più. The Donald ha rivelato che sarà il generale in pensione Jim“Mad dog”Mattis a completare i nuovi ranghi degli esperti alla sicurezza nazionale Usa. Il marine super-gallonato si troverà […]
Mondo - 30 novembre 2016

Tamburi di guerra: i Sioux e l’oleodotto che piace a Trump

Nonostante il freddo polare e la prima tempesta di neve in arrivo, i membri della tribù Sioux del Nord Dakota assieme ad altre migliaia di persone tra nativi americani e attivisti per i diritti umani e la protezione dell’ambiente, hanno ribadito al governatore repubblicano che non se ne andranno dal campo di Standing Rock. “Il […]
Mondo - 26 novembre 2016

Una Costituzione tutta per lui. Il Sultano vuol regnare a vita

Come è nelle sue corde, il presidente turco Erdogan ha reagito all’approvazione della risoluzione votata dal Parlamento europeo che chiede la sospensione dei negoziati per l’adesione della Turchia all’Unione europea, minacciando di far fallire l’accordo sui migranti entrato in vigore ad aprile. Sfruttando il fatto che la decisione di Strasburgo seppur passata a larga maggioranza […]
Mondo - 24 novembre 2016

“Mio genero vuol far pace tra israeliani e palestinesi”

Al suo primo incontro con la redazione del più autorevole quotidiano statunitense, il New York Times, il neo presidente Donald Trump ha enfatizzato che il marito della figlia Ivanka, il 35enne ebreo ortodosso del New Jersey Jared Kushner, “amerebbe risolvere il conflitto israelo-palestinese”. Come se si trattasse di un gioco da ragazzi, di un vezzo, […]
Mondo - 20 novembre 2016

Gay e xenofobo, profeta del pensiero trumpista

Il suo nome significa misericordioso, ma di benevolenza nei discorsi di Milo Yiannopoulos, il volto pop e gay della destra suprematista americana, tra i fondatori del movimento razzista e xenofobo Alt Right, Destra Alternativa, non c’è mai stata nemmeno l’ombra. Neanche ora che il suo candidato, The Donald, è diventato presidente degli Usa. Le sue […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×