/ / di

Riccardo Orioles Riccardo Orioles

Riccardo Orioles

Giornalista

Riccardo Orioles (Milazzo, 22 dicembre 1949) è un giornalista italiano, punto di riferimento nel panorama delle firme giornalistiche in Sicilia, impegnato a contrastare la mafia e la corruzione. Alcune delle sue inchieste più notevoli riguardano i rapporti tra mafia e massoneria.

Siti internet: www.isiciliani.itwww.ucuntu.org

Blog di Riccardo Orioles

Media & Regime - 3 giugno 2012

Egregio Presidente… Le scrivono i liceali di Bologna

Questa lettera sta circolando ora nei licei bolognesi, e via via in molte altre scuole. La trovate anche su diecieventicinque.it, la testata bolognese della rete dei Siciliani. “Dieci e venticinque”, il nome del sito, a Bologna vuol dire qualcosa. Bologna che resiste, Bologna allegra e dura, Bologna di tutti noi. La legga, Signor Presidente. Qua […]
Politica - 26 maggio 2012

La politica dell’antimafia per superare il ventennio

Dopo vent’anni è crollata fragorosamente la destra. In Italia essa aveva aspetti particolarmente odiosi, esaltando il razzismo e la prostituzione. Inoltre – ciò che ci riguarda più diretttamente – aveva comunanze d’interessi, almeno occasionali, con l’area del potere mafioso. Per la mafia dunque comincia, annunciata da tempo, un’emergenza. Come reagirà (o ha già reagito)? Non […]
Cronaca - 19 maggio 2012

Brindisi, l’Italia feroce che non vuol morire

In piazza, in piazza subito, come per piazza Fontana. A Catania e Palermo i militanti antimafia saranno già in piazza fra poche ore. Niente dibattiti, non c’è tempo. Tutti in piazza, dappertutto. Vergogna a chi depista parlando di “anarchici”: è complice dei terroristi. Vergogna a chi non osa dire “mafia”, in queste ore, alto e […]
Media & Regime - 10 maggio 2012

Evviva! Ri-chiudiamo la radio di Peppino

Quest’anno, per l’anniversario di Peppino Impastato, celebriamo il suo ricordo – tutti insieme, chi lo fa e chi non se ne accorge – chiudendo d’autorità la sua radio, Radio Aut. Radio Aut oggi si chiama Telejato, e sta a pochi chilometri da dov’era prima. Lotta contro la mafia, non contro la mafia generica ma proprio […]
Politica - 8 maggio 2012

Il filo della crisi europea

Tunisi, Atene, Parigi. Napoli, Milano, Palermo. Il filo è questo. In Europa, i popoli che vogliono disperatamente salvarsi dalla crisi. Intuendo che non è più la crisi di un governo o di una politica, ma proprio la crisi globale di un sistema. Davvero – pensa la gente comune – dobbiamo essere governati dalle banche, così […]
Media & Regime - 28 aprile 2012

Monti e la libertà di stampa

Povero Fardazza, non è riuscito a chiudere Telejato. Invece il professor Monti sì. Hai visto che fa fare la cultura? Un poveraccio qualunque, un “don” di media tacca (ma a Partinico importante) aggredisce, minaccia, fa tutto il suo onesto lavoro di boss mafioso e non conclude un tubo: Telejato continua a trasmettere e il maledetto […]
Giustizia & Impunità - 6 aprile 2012

Tradizioni siciliane
(e non)

La Sicilia per tradizione è governata da mafiosi o da interlocutori di mafiosi, regolarmente eletti dal popolo siciliano. Il presidente attuale non poteva sottrarsi a tale tradizione. Come sarà il prossimo presidente? Probabilmente analogo, perché: – i mafiosi e i loro amici sono uniti e perfettamente organizzati, hanno un Sistema; – gli antimafiosi sono divisi […]
Cronaca - 4 aprile 2012

Bentivegna

Morire è scocciante sempre,  ma almeno Bentivegna, il compagno Bentivegna, il compagno Rosario (origini siciliane!) Bentivegna è morto bene. Non l’hanno ammazzato i tedeschi, non l’hanno ammazzato i fascisti, è morto nella sua Repubblica, nel suo letto, a novant’anni. E per soddisfazione finale ha avuto lo spettacolo dei fascisti incazzati, impotentemente incazzati. Non hanno dimenticato […]
Cronaca - 4 marzo 2012

Edo Gari, una vita per
la giustizia e la verità

Vent’anni fa il giudice Edo Gari – del quale mi onoro di essere stato amico – fu il primo magistrato catanese a sentenziare ufficialmente che Giuseppe Fava era stato assassinato dalla mafia per il suo impegno giornalistico contro i poteri della città. Gari non riuscì ad andare oltre l'”omicidio ad opera di ignoti”, ma ebbe […]
Media & Regime - 25 gennaio 2012

Tizian, Maniaci e Mazzeo: giornalisti contro tutti

Prima dell’internet ma soprattutto dopo, in Italia s’è formata tutta un’area di giornalisti professionisti (di solito, ma non necessariamente, iscritti anche all’albo ufficiale) che costituiscono ormai buona parte delle fonti d’informazione sugli argomenti “difficili”. Più liberi e più aggressivi delle grandi testate, hanno ormai consolidato un’esperienza di cui è difficile fare a meno. Siti, giornali […]
Agcom, su twitter i nomi di presidente e consiglieri: “Accordo definito”
L’affaire Rapetto e la negazione della meritocrazia

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×