/ / di

Pierfranco Pellizzetti Pierfranco Pellizzetti

Pierfranco Pellizzetti

Saggista

Sono nato nel lontano 1947 in quel di Genova; dove ho fatto ritorno dopo un lungo peregrinare; alla ricerca di radici che, con il passare degli anni, sono diventate sempre più importanti. Scoprendomi d’un tratto d’accordo con Simone Weil: «il problema delle radici è che non te le puoi portare appresso». Borghese senza classe di appartenenza, liberale senza partito di riferimento, disperdo da sempre carte variegate su riviste e fogli della clandestinità. Ogni tanto le raccolgo in libretti che qualche amico legge e – magari – riesce pure a trovare di un qualche interesse (“Politica e Organizzazione”, “La politica dopo la politica”, “Italia disorganizzata”, “La Quarta via”, “Fenomenologia di Berlusconi”, “Liberista sarà lei!”, “Fenomenologia di Antonio Di Piero”, “Fenomenologia di M. Monti” e, buon ultimo, “Conflitto”). Da qualche tempo sono uscito dal cono d’ombra scrivendo su testate “ufficiali”: Il Fatto Quotidiano, MicroMega, Critica Liberale… Ho vagabondato tra consulenza e insegnamento (fino al 2012 insegnavo Politiche Globali nella Facoltà di Scienza della Formazione di Genova), sempre cercando di “vendere” le tecnologie relazionali e strategiche apprese dalla politica. Prima nella sinistra del PLI malagodiano, poi nel PRI e – in seguito ancora – nelle rappresentanze di categoria (ho fatto pure il piccolo imprenditore). Esperienze che presto mi hanno fatto maturare un giudizio critico, ormai moneta corrente: la politica quale l’abbiamo conosciuta è in profonda crisi. Eppure, senza di essa, siamo tutti spaventosamente disarmati. Da qui l’impegno nel dare un modesto contributo alla sua rifondazione.

Blog di Pierfranco Pellizzetti

Politica - 13 giugno 2017

Amministrative, G7 e elezioni francesi: qualcosa si muove (ma l’Italia non coglie)

Gli auguri e gli aruspici della politica iniziano a scorgere segni importanti nei voli degli uccelli o nell’esame delle viscere sacrificali. Metaforici. Tanto a livello internazionale come sovranazionale e sub-statuale. Possiamo cominciare dall’effetto inintenzionale di ricompattamento del quadro europeo prodotto dal bullesco Trump al G7 di Taormina, quando ha denunciato unilateralmente gli accordi di Parigi […]
Mondo - 9 giugno 2017

Jeremy Corbyn e Bernie Sanders, vecchietti terribili all’attacco della Terza Via e di altri orrori

È con grande soddisfazione che un vecchio liberale critico e di sinistra – quale il sottoscritto – assiste all’asfaltatura della pluridecennale, sedicente, sinistra-opportunista della Terza Via da parte dei vecchietti terribili Jeremy Corbyn e Bernie Sanders. La fine della ricerca di un Santo Graal a fumetti per cui leader provenienti dal fronte progressista conquistavano l’area […]

Elezioni Genova, le peggiori amministrative della nostra vita

La svolta era già avvenuta due anni fa, nel corso delle elezioni regionali: il cedimento della tradizionale presa elettorale “rosso-antico” nel perimetro genovese, dopo 25 anni di stretto controllo del territorio da parte del city boss Claudio Burlando (nelle varie trasmigrazioni quale professional della politica sinistrese di potere, da piccista a blairiano). Difatti in città […]
Calcio - 31 maggio 2017

L’addio di Totti alla Roma, quando la rinuncia diventa fedeltà

Anche gli angeli del cielo piansero domenica 28 maggio mentre si svolgeva il rito dell’addio di Francesco Totti alla maglia giallorossa. Quel lungo, interminabile, addio  – durato quanto un intero campionato di calcio – che ha trasformato l’allenatore Luciano Spalletti nel boia mefistofelico (anche per un certo quale feticismo pilifero) del sogno spezzato di un’eterna […]
Cronaca - 24 maggio 2017

Da Milano a Manchester, anche l’orrore conosce le sue mode

Dopo l’orrore di Manchester sta immediatamente ripartendo la sceneggiatura stantia dell’esibizione muscolare, al grido di “non ci faremo intimidire”, accompagnata dalla richiesta rituale e generica di maggiore sicurezza. Due emerite scemenze: il non farsi intimidire significa continuare imperterriti in atteggiamenti e prese di posizione che non hanno fornito il benché minimo contributo positivo nel fronteggiare la […]
Politica - 14 maggio 2017

Banca Etruria, lo scontro Boschi-de Bortoli nasconde mica un’operazione Macron?

Nel Paese congenitamente (e irrimediabilmente) machiavellico, dietro ogni minimo refolo che increspa la sfera del potere si cela non di rado un segnale sottotraccia di movimenti in gestazione. Congiure, blitz o semplici “intentonas” (tentativi maldestri). Ne dà conferma ancora una volta l’attualità: qualcosa sta montando nei sotterranei della politica italiana, anche se per ora è […]
Politica - 11 maggio 2017

Da Maria Elena Boschi a Matteo Salvini, se il potere diventa un giocattolo

I loro padri spirituali un po’ si vergognavano, questi fanno spallucce. Per un baby boomer del secondo dopoguerra, che ha passato la propria vita di analista politico a esecrare la classe dirigente della Prima Repubblica – i dorotei veneti del PiRuBi (da Flaminio Piccoli, Mariano Rumor e Antonio Bisaglia), i “craxatori” milanesi, la banda andreottiana […]
Società - 7 maggio 2017

Legittima difesa, quando la politica genera mostri (armati)

Il sonno della ragione politica genera mostri. L’overdose di cinismo diffusa dalla Seconda Repubblica e dai suoi cattivi maestri (non pochi di estrazione “Prima”) ha ottenuto il brillante risultato di allevare una generazione di professionisti della politica totalmente privi dei minimi rudimenti tecnici di tale disciplina, quanto assolutamente sprovvisti di memoria storica. Però ferratissimi sui […]
Politica - 4 maggio 2017

Primo Maggio a Torino: ancora un Vaffa 5S al lavoro organizzato

“Non dobbiamo più concedere la piazza ai sindacati”. Così tuona – dopo il Primo Maggio – la consigliera comunale pentastellata di Torino Daniela Albano; le cui immagini apparse su stampa e social ce la mostrano con una chioma rasta alla Bob Marley, tanto da indurre il sospetto che i suoi pensieri siano avvolti in un […]
Politica - 29 aprile 2017

Primarie Pd, love story al gazebo: Renzi innamorato. Della poltrona

Una grande storia d’amore. È soprattutto una storia d’amore questa marcia silenziosa quanto inarrestabile verso l’oggetto delle proprie brame che da mesi Matteo Renzi va compiendo dopo i giorni del dolore; il tragico distacco del 4 dicembre dall’adorata poltrona di Palazzo Chigi. Un trauma che lo statista di Rignano sull’Arno ha vissuto come un’ingiusta – […]
Amministrative 2017, Alfano esulta: “Ap al 6,2%, è stata decisiva ovunque. Ora nuovo soggetto di centro”
Reddito di cittadinanza, Porro si infuria con Bonafede (M5s): “State prendendo per il culo milioni di giovani”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×