/ / di

Paolo Farinella Paolo Farinella

Paolo Farinella

Sacerdote

Il mio nome è Paolo Farinella. Sono prete cattolico, orgoglioso di esserlo ed esercito nella città di Genova, dove sono parroco di una parrocchia antichissima, senza parrocchiani e senza territorio. Sono parroco di confine per chi crede e per chi non crede. Non posso essere Paolo senza essere prete e non posso essere prete senza essere Paolo, cioè prete dal cuore laico che credo sia il più bel regalo di Dio. Ho 63 anni e non rimpiango la giovinezza perché la vita è graduale andare in avanti e in alto. Sono uno studioso della Bibbia con qualche piccola specializzazione in Scienze bibliche e Archeologia. Mi occupo di esegesi nel contesto giudaico. Contrasto il pontificato di Benedetto XVI che ritengo una sciagura per la Chiesa, visto che è solo capace di guardare indietro senza lasciarsi soggiogare dallo Spirito che guarda avanti sulla prospettiva del Regno di Dio. In questi tempi bui, in cui domina il potere perverso della delinquenza organizzata e, orfano di opposizione, mi sono deciso a contrastare e combattere con le armi della dignità, del pensiero e della Parola la peste del berlusconismo che è l’infezione virale che sta uccidendo il nostro Paese e le sue vere radici antropologiche. Leggo il Fatto che ormai resta quasi da solo l’unica Parola che grida nel deserto delle convenienze e degli interessi. Insieme vinceremo ogni attacco alla Democrazia e alla Libertà perché noi siamo motivati da sentimenti di verità e non da interessi inconfessabili. Non sarò presente in modo costante, ma sarò della compagnia senza rassegnazione, senza rimpianti, ma con la certezza di servire la Nazione, ma principalmente la mia coscienza che non sarà mai in vendita.

Il mio libro più recente, edito per Il Saggiatore s’intitola Cristo non abita più qui 

www.paolofarinella.eu

Blog di Paolo Farinella

Elezioni Amministrative 2017 - 26 giugno 2017

Ballottaggio 2017, il Pd consegna Genova alla destra fascista e forzaitaliota

A Genova c’è una battuta: «È morto il sig. Parodi», dice uno al suo amico che risponde: «Si vede che aveva la sua convenienza». È quello che è successo a Genova, a La Spezia, a Piacenza, a L’Aquila, a Parma, «dall’Alpe alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno» (A. Manzoni, Il Cinque Maggio 1821). Scrivete questa […]
Elezioni Amministrative 2017 - 24 giugno 2017

Ballottaggio 2017, voto per una ‘Genova sempre umana, presente, partigiana’

Genova mia città intera. Genova che si riscatta. Genova sempre umana, presente, partigiana. (Giorgio Caproni, Litania) Vado a votare il 25 giugno 2017, triste, rannicchiato, umiliato. Battaglie condivise, ideali difesi, posizioni assunte fino allo spasimo per amore della Democrazia e la dignità, per l’acqua prima e per i tutti beni comuni, nell’indifferenza di tanti, nell’ardore […]
Elezioni Amministrative 2017 - 13 giugno 2017

Ballottaggio Genova 2017, perché voterò Crivello (ma non il Pd che è morto)

Al primo turno il Pd genovese ha perso 50mila voti regalandone la maggior parte all’astensione. Il suo candidato, Gianni Crivello, è arrivato secondo con 5 punti di distanza dal candidato della Lega di Salvini, Marco Bucci. Genova non ha scelto la destra, ma non ha votato il Pd. Questo è il dato essenziale, scarno, nudo […]
Politica - 22 febbraio 2017

Scissione Pd, la tragica parabola di un partito destinato (e arrivato) allo sfascio

Manca un mese appena a primavera e già le mammole piddine fioriscono a gruppi di gemelli e solitari smarriti. Alcuni amici non mi salutano più perché da almeno tre anni pronostico lo sfascio del Pd non a causa di una maledizione divina, ma per aver venduto l’anima a Matteo Renzi, corpo estraneo alla storia del riformismo […]
Società - 2 febbraio 2017

Cagliari, la comunità ‘La Collina’ deve vivere: lì i carcerati affidati sono realmente rieducati

Lo sapevamo anche prima del 4 dicembre 2016 che la prima parte della Carta Costituzionale del 1948 sarebbe stata lo spartiacque tra due mondi: di chi vede nella Carta, garante di diritti e del lavoro, un impedimento al mercato e di chi vede nella Carta un baluardo di civiltà invalicabile, pena il ritorno alla preistoria […]
Politica - 19 gennaio 2017

Bettino Craxi, Alfano corre ad omaggiarlo in nome del pregiudicato B.

Giovedì 19 gennaio 2017 doppia data. Ricorre il 17° anniversario della morte di Bettino Craxi, il segretario che corruppe e distrusse il Psi di Turati, Nenni, Pertini per ingordigia di potere. È anche il giorno in cui il ministro degli Esteri del governo ombra Renzi/Gentiloni, al secolo Angelino Alfano, in missione ufficiale in Tunisia, ha […]
Politica - 23 dicembre 2016

Monte dei pacchi di Siena

Il Pacco di Natale è arrivato puntuale e infiocchettato, consegnato agli italiani dal governo Gentiloni/Renzi in tempo per festeggiare un nuovo debito a carico di tutti gli italiani per 20 miliardi, circa 300 euro per ogni cittadino italiano, neonati compresi. Si sapeva già da un anno che bisognava intervenire perché la via privata era impercorribile, […]
Politica - 15 dicembre 2016

Governo Gentiloni (o Renzi-bis), ma non dovevano andarsene?

Un aforisma latino descrive la situazione post referendum che è post renziana, che a sua volta, dopo nemmeno 24 ore dalla duplice fiducia, è post Gentiloni, nobile foglia di fico delle vergogne renziste: Quos perdere vult, deus demendat prius (traduco liberamente: Li fa prima impazzire quelli che dio vuole distruggere). Con un risultato abissale di 20 […]
Referendum Costituzionale - 5 dicembre 2016

Referendum: torna a casa, Renzi, senza rimpianti!

Fin dai primi exit poll, confermati dall’avanzare delle schede scrutinate, è stato chiaro, oltre ogni ragionevole dubbio, che Renzi esce dal referendum con le ossa rotte e la sig.na Maria Elena-Etruria piange sconsolata e solitaria. Quando si tocca il popolo nella Costituzione bisogna che i predatori, i lanzichenecchi ci pensino non una o dieci volte, […]
Referendum Costituzionale - 1 dicembre 2016

Referendum: dopo Benigni anche Prodi ha fatto l’uovo

In questi giorni Genova si prepara a celebrare il 270° anniversario (9-10 dicembre 1746-2016) della cacciata degli Austriaci occupanti abusivi, da parte del popolo insorto, animato dal francescano conventuale P. Candido Giusso. Il quartiere di Oregina si sollevò e con esso tutta la città. Anche oggi ci apprestiamo a resistere ai nuovi «austroungarici» nostrani, capitanati […]
Renzi perde, ma vince. Ora il governo con Berlusconi è più vicino
Amministrative Trapani, il Pd perde da solo nella città senza marketing: niente quorum e scatta il commissariamento

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×