/ / di

Nanni Delbecchi Nanni Delbecchi

Nanni Delbecchi

Giornalista

Redattore del Fatto, ha iniziato al Giornale di Montanelli, poi alla Voce, poi dove è capitato. Si fida del caso.

Blog di Nanni Delbecchi

Media & Regime - 26 marzo 2013

Grillo e i troll, sfida allo specchio

Ha un bel dire Beppe Grillo che “gli schizzi di merda digitale” che lo contestano sul suo blog e sui social network dei suoi eletti sono falsi, o addirittura prezzolati dall’ubiquo nemico (quando si è contro tutti, il nemico non può che essere ovunque). Dal punto di vista della comunicazione il nocciolo della questione è […]
Media & Regime - 14 marzo 2013

M5S, dal salotto alla piazza Grillo guida contromano

Dice: Grillo guadagna voti perché non va in tv. Bene, bravo, ma possibile che i voti siano così tanti? E soprattutto: perché lo dici in tv? Ora che ci penso, forse ne guadagna anche perché tutti gli altri politici, invece, ci vanno. Sempre. A tutte le ore. Con tutti i conduttori. Con Santoro e con […]
Media & Regime - 28 febbraio 2013

Sechi a Sechi, il talk show del futuro

Mario Sechi torna al giornalismo. L’annuncio, dato prontamente dal diretto interessato all’indomani della trombatura dell’ex direttore del Tempo candidatosi nelle liste Monti, getta scompiglio in almeno in tre campi. Quello della politica, quello del giornalismo e soprattutto in quello della televisione, dove si assiste a una vera e propria moria degli habitueé del salotto politico; […]
Cinema - 15 gennaio 2013

Django Unchained di Quentin Tarantino libera la fantasia

Andate a vedere Django Unchained di Quentin Tarantino. E andateci al cinema, possibilmente in un cinema vero, una delle poche sale sopravvissute in città, non in una di quelle multisale così piccole e gelide che ti sembra di entrare in un obitorio. Magari mettetevi in coda, come oggi capita sempre meno, anche quello farà parte […]
Cinema - 12 gennaio 2013

Mariangela Melato, un carisma cocciuto che non lascia eredi

Qualcuno diceva che era l’erede di Anna Magnani e c’era del vero, se è vero che un’attrice può diventare l’incarnazione anche fisica di un’era. Gli anni ’50 furono la maschera drammatica di Nannarella, i ‘70 sono stati il sex appeal androgino e nevrotico di Mariangela. Quando si è grandi davvero non si assomiglia più al […]
- 10 gennaio 2013

Del Debbio, il telefilosofo che si ispira a Funari

Certe volte vale davvero la pena di vedere come va a finire. Chi avrebbe mai detto che Paolo Del Debbio sarebbe finito a fare il secondo pilota di Federica Panicucci (tutte le mattine su Canale 5)? Proprio quel Paolo Del Debbio filosofo e teologo prodige nella natia Lucca, laureatosi alla Pontificia Università Gregoriana dopo avere […]
Società - 11 dicembre 2012

Riccardo Schicchi, l’uomo che non faceva finta di nulla

In un vecchio film di Woody Allen si vede il protagonista (Woody stesso) rifornirsi al banco di un’edicola di ogni genere di giornali; finché, carico come un mulo, aggiunge con nonchalance al mucchio il solo acquisto che si precipita a sfogliare appena arrivato a casa: una rivista porno. Riccardo Schicchi, scomparso domenica scorsa nella quasi indifferenza generale, non […]
Società - 29 novembre 2012

Tv, c’era una volta l’intervallo

Tutto torna in tv, a parte i conti. Torna Gianni Minoli (anche due volte al giorno, in contemporanea, come ieri mattina su Raiuno e Raitre), torna ogni martedì Ballarò (ma se ne era mai andato?), torna Santoro e torna Formigli, tornano Emilio Fede e Marco Columbro, su Vero Tv. Anche chi al mondo non c’è […]
Società - 15 novembre 2012

“Il silenzio è un peccato”

“Tra i i vizi più strani e più gravi della nostra epoca va menzionato il silenzio…”. Nella raccolta di saggi Le piccole virtù di Natalia Ginzburg (appena ripubblicata da Einaudi) si incontra questa riflessione sulla natura del silenzio, su come esso si sia diffuso nei nostri tempi, sui sempre più numerosi espedienti che le persone […]
Media & Regime - 8 novembre 2012

Mad Men, da individui a consumatori. Il racconto dell’inizio della fine

“Non vedo come sapere qualcosa della mia infanzia possa aiutare a vendere cera per pavimenti” si chiede in un lampo di autoanalisi Don Draper, il pubblicitario-sciamano protagonista di Mad Men, la serie americana che ha conquistato più Emmy e Golden Globe di quanti Telegatti avesse in salotto Mike Bongiorno, e perfino la copertina dei Chaiers […]
Io e il principe Harry: l’omosessualità e la stampa spazzatura
Mantovani, la regina degli appalti pubblici tra giornali e servizi segreti

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×