/ / di

Marco Travaglio Marco Travaglio

Marco Travaglio

Direttore de Il Fatto Quotidiano e scrittore

Marco Travaglio ha lavorato con Indro Montanelli, prima a «il Giornale» e poi a «La Voce». Ha collaborato con diverse testate, fra cui «Sette», «Cuore», «Il Messaggero», «Il Giorno», «L’Indipendente», «Il Borghese», «la Repubblica» e «l’Unità». Oggi, oltre a collaborare con «l’Espresso», «MicroMega», «A» e con Servizio pubblico di Michele Santoro, è direttore de «il Fatto Quotidiano», che ha contribuito a fondare nel 2009.

Dopo il successo di Promemoria, Anestesia totale, E’ Stato la mafia, Slurp – Lecchini, Cortigiani & Penne alla Bava, è in scena nei teatri italiani con Perché No, insieme a Giorgia Salari.

È autore di molti libri di successo, tra i quali: L’odore dei soldi (con Elio Veltri, Editori Riuniti 2001), Regime (con Peter Gomez, Rizzoli-Bur 2004), Per chi suona la banana (Garzanti 2008), Colti sul fatto (Garzanti 2010). Per Chiarelettere ha pubblicato: “Mani sporche” (con Pter Gomez e Gianni Barbacetto, 2007), “Se li conosci li eviti” (con Peter Gomez, 2008), “Il bavaglio” (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2008), “Italia Annozero“, (con Vauro e Beatrice Borromeo, 2009), “Papi. Uno scandalo politico“, (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2009), “Ad personam” (2010), Silenzio, si ruba (dvd+libro, 2011), “Mani pulite. La vera storia vent’anni dopo” (con Gianni Barbacetto e Peter Gomez, 2012), “BerlusMonti(Garzanti, 2012), “L’illusionista. Ascesa e caduta di Umberto Bossi” (con Pino Corrias e Renato Pezzini, Milano, Chiarelettere, 2012), “Viva il Re!(Chiarelettere, 2013), “È Stato la mafia (Chiarelettere, 2014), “Slurp. Dizionario delle lingue italiane” (Chiarelettere, 2015), “Perché NO” (Paper FIRST, 2016),

Articoli Premium di Marco Travaglio

Editoriale - 11 giugno 2017

Celle aperte, bocche chiuse

Che le cose, nel 1992-’94, siano andate come le racconta il boss Giuseppe Graviano lo sanno benissimo da 25 anni tutti quelli che se ne sono occupati: da un lato mandanti, suggeritori, complici ed eredi; dall’altro inquirenti, pm, giudici e giornalisti informati dei fatti. Chi scrive, nel suo piccolo, disse tutto quel che si poteva […]
Editoriale - 10 giugno 2017

Kriminalpolitik

Ci avevano raccontato che nelle vere democrazie la sera delle elezioni si sa già chi ha vinto e chi governerà. Non era vero: non esiste legge elettorale al mondo che garantisca a chi arriva primo la maggioranza per governare da solo a prescindere dai voti (salvo l’Italicum, che infatti è incostituzionale). Nemmeno nei paesi maggioritari […]
Editoriale - 9 giugno 2017

Asilo Renzuccia

Siccome nello scaricabarile della Camera non si capisce niente (chi ha cominciato? chi ha continuato? chi ha fregato chi? chi voleva fregare chi ed è rimasto fregato? e perché, poi? boh), partiamo da una domanda: mentre deridono i 5Stelle che ogni due per tre consultano il sacro blog, anche prima di fare la pipì, Renzi&C. […]
Cronaca - 8 giugno 2017

É un punto per l’accusa, perché Renzi ora esulta?

La Procura di Roma pare avere scoperto come e quando partì la fuga di notizie che rovinò l’inchiesta Consip perché mise in allerta il comitato d’affari che puntava a truccare gli appalti della centrale acquisti della PA. E ha indagato per depistaggio il vicecomandante del Noe. Questi aveva raccontato ai pm di aver avvertito i […]
Editoriale - 8 giugno 2017

Senti chi monita

Se Napolitano non ci fosse, bisognerebbe inventarlo. È una bussola all’incontrario, un barometro alla rovescia. Per capire se una cosa è giusta o è sbagliata, basta aspettare che lui moniti. Se è contento, è sbagliata. Se è incazzato, è giusta. Se chiede di fare A, bisogna affrettarsi a fare B. Se auspica X, bisogna augurarsi […]
Editoriale - 7 giugno 2017

Matteo, B. e Beppino uniti a Berlino

Da quando l’abbiamo ribattezzata Merdinellum, la legge elettorale ha fatto qualche passo in avanti verso il vero modello tedesco e non merita più quell’epiteto. Lo diciamo con una certa soddisfazione, visto che le modifiche apportate al testo base le avevamo suggerite anche noi del Fatto. Ma, come ci ha spiegato ieri il costituzionalista Massimo Villone, […]
Editoriale - 6 giugno 2017

Lui fuori, gli altri zitti

Nel Paese dove tutto è possibile, soprattutto per i criminali, una delle pochissime cose impensabili era il ritorno a casa di Totò Riina. Ora non più: la Cassazione ha accolto il ricorso dell’ex (?) capo di Cosa Nostra contro la decisione del Tribunale di Sorveglianza di Bologna, che lo scorso anno gli aveva respinto una […]
Mondo - 5 giugno 2017

I Sei giorni che hanno fatto il nostro presente

La Guerra dei Sei Giorni durò quanto la creazione, ma dopo tre ore era già praticamente decisa. Tant’è che poco prima delle 10 del 5 giugno 1967, appena 150 minuti dopo il decollo dei caccia israeliani verso le basi dell’aviazione egiziana, siriana e giordana, il generale e futuro presidente Ezer Weizman chiamò casa e annunciò […]
Editoriale - 5 giugno 2017

Tutto virtuale, tranne il sangue

Tutto questo sangue per una non-partita e per un non-attentato: ma com’è stato possibile? Alle due di notte siamo qui al pronto soccorso del Gradenigo, un piccolo ospedale in riva al Po, del tutto inadeguato a fronteggiare la fiumana dei feriti che continuano ad affluire da piazza San Carlo, luogo della non-partita e del non-attentato. […]
Editoriale - 4 giugno 2017

Italia-Germania 3-0

Per fortuna i tedeschi hanno altro da fare che seguire il dibattito sulla presunta legge elettorale “tedesca” in discussione al Parlamento italiano. Altrimenti ci farebbero causa per danni e la vincerebbero a mani basse. Da tre giorni ci sgoliamo a spiegare a lorsignori che quella che chiamano tedesca è un Merdinellum tutto italiano che non […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×