/ / di

Gian Luca Mazzella Gian Luca Mazzella

Gian Luca Mazzella

Giornalista, esperto agroalimentare

Mi sono occupato di lingua italiana e filosofia, poi teologia, prima di tornare a fare il giornalista. Faccio seminari e conferenze nel mondo. Scrivo per pubblicazioni e televisioni in Europa. Ho la residenza in Italia

Blog di Gian Luca Mazzella

Piacere quotidiano - 31 agosto 2010

Imbevuto di Riesling

Ho appena trascorso qualche giorno in Germania ad assaggiare il vino bianco più fine e longevo del mondo, ma anche il più vario, il più costoso e al contempo il più economico, e ancora il più dolce e meno sdolcinato: il Riesling. Con tale termine s’intende il Riesling Renano o Rheinriesling, da non confondere col […]
Cultura - 20 agosto 2010

Abuso di terroir e tipicità

Per quanto il termine terroir sia invalso nella lingua francese dal XVI secolo, soltanto da qualche anno si è affermato in altre lingue. Senza alcun adattamento. Difatti i traducenti adoperatati, quali Boden o soil o l’italiano territorio, non mantengono la denotazione di terroir, né rispettano le sue connotazioni. Il terroir indica una estensione limitata di […]
Piacere quotidiano - 11 agosto 2010

Il gusto americano del vino

In una recente intervista a Gianfranco Soldera, uno dei produttori italiani di vino più rinomati al mondo, ho domandato se ci fosse un “gusto americano” del vino. Lui ha risposto che tale domanda non significasse nulla, che non ha senso riferire il gusto a un mercato, che c’è soltanto il gusto di ciascun vino: il […]
Cultura - 3 agosto 2010

Fenomenologia del post-degustatore

Negli ultimi dieci anni la figura del degustatore ha ottenuto una popolarità che mai aveva avuto nella storia. Non è più coppiere, come Ganimede, mitologico antesignano dei sommelier. Non ha più nemmeno l’onere, invero rischioso, di assaggiare il vino per impedire avvelenamenti. Bensì, nell’attuale società della Kulturindustrie ammuffita, che è piuttosto Zivilisationsindustrie*, non c’è ombra […]
Piacere quotidiano - 26 luglio 2010

Barbera dove sei?

Giorni fa, un noto importatore tedesco di vini, premettendo di essere confuso da ormai quindici anni, mi domanda il nome d’un vino Barbera che sappia di Barbera. È una domanda alquanto esistenziale. A marzo di quest’anno ho partecipato al più importante evento della Barbera (Barbera meeting): 4 giorni di degustazione fra tante Barbera d’Asti, del […]
Piacere quotidiano - 19 luglio 2010

Divieto di non ebbrezza

Dopo l’intervento sull’etilometro mi è stata segnalato che alquante degustazioni di vino, a Roma, continuano ad essere annoverabili fra i cosiddetti “eventi a rischio”. Speravo che l’Associazione Italiana Sommelier, cui si deve merito di aver educato non poche persone alla degustazione, non anelasse anche al curioso merito di educazione all’ebbrezza. Qualche anno fa avevo scritto […]
Società - 13 luglio 2010

Cenerentola e l’etilometro (affidabile?)

Vi riporto quanto approvato dalla Commissione Trasporti il giorno 8 di giugno. Riporto anche il link alla documentazione che parrebbe invalidare l’efficacia dell’etilometro, confortata di studi universitari e di sentenza d’un Giudice di Pace. http://www.megaupload.com/?f=0W7NC3LC Tale documentazione è stata segnalata dall’astronomo Vincenzo Zappalà in varie occasioni: http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=3885&lang=ita http://www.intravino.com/salute/letilometro-e-affidabile/ Testo della Commissione Trasporti: “di seguito il […]
Piacere quotidiano - 8 luglio 2010

Sul bel Danubio ‘bianco’

Due settimane fa mi trovavo lungo il fiume Danubio, assieme a 3 colleghi provenienti da 3 continenti diversi, perché una delle aziende vinicole più note dell’Austria, Nikolaihof, aveva deciso di riordinare la cantina dopo qualche decennio: mettendo in degustazione una serie di vini “maturi”. Per quanto si siano stappate bottiglie ove s’era accumulata polvere da […]
Piacere quotidiano - 3 luglio 2010

“Vino naturale”?

Questa locuzione, viepiù alla moda, per alcuni rappresenta un ossimoro e per altri un affare di milioni. Nel mio ultimo viaggio negli Stati Uniti sono stato coinvolto, ancora una volta, in una discussione (perlopiù verbosa e terminologica), sul significato di “vino naturale”. Eric Asimov, collega del New York Times, ha poi tentato una spiegazione: «vino […]
Piacere quotidiano - 28 giugno 2010

Degustazione “alla cieca” o “alla muta”

Per anni mi sono prestato, indolentemente, a giurie e concorsi internazionali di vino fondati sulla degustazione “alla cieca”. O meglio “alla muta” per citare Emile Peynaud: padre della degustazione moderna e dunque della degustazione come disciplina. Nella degustazione “alla cieca” si ignorano i vini in assaggio (che si possono “vedere” nel bicchiere, perciò ribattezzata “alla […]
Aspettando i nuovi Brunello, ecco i produttori under 40 per scalzare la vecchia guardia
La cultura della dispensa – (parte undicesima)

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×