/ / di

Elisabetta Reguitti Elisabetta Reguitti

Elisabetta Reguitti

Giornalista

Sono diventata giornalista professionista da free-lance scrivendo “a cottimo e a chiamata” (so che molti di voi sanno bene cosa significhi) iniziando come cronista in un quotidiano di Brescia, mi sono laureata a Verona e ho scelto Roma tanto da viverci. Ho scritto per il dorso Lombardia de “Il Sole 24 Ore” faccio parte dell’associazione “Articolo21”.
Nel 2017 ho ricevuto la menzione speciale – Ordine dei giornalisti Sicilia – al premio giornalistico internazionale “Cristiana Matano” per un reportage che ho realizzato su Lampedusa.
Nel 2011 mi sono classificata prima al “Premio Clitunno” con un’inchiesta sugli infortuni sul lavoro.
Nel 2009 il terzo premio – dedicato alla sezione radio, televisione e web del premio – “Cronista Guido Vergani”.
Nel 2008 il primo premio della seconda edizione del “Donna si parla di te”.
Dal 2013 al 2014 – in aspettativa dal Fatto Quotidiano – ho ricoperto l’incarico di portavoce parlamentare del Presidente dell’XI Commissione della Camera dei Deputati.
Sono stata responsabile media e social dell’iniziativa “Palermo chiama Italia” promossa dalla Fondazione Giovanni Falcone di Palermo.
Nel 2016 ho collaborato alla trasmissione di Rai3 “I Dieci Comandamenti” ideata e condotta da Domenico Iannacone.
Sono nella squadra de Il Fatto Quotidiano dal 23 settembre 2009 – giorno della prima uscita – e orgogliosa che la mia idea di dedicare un giornale alla memoria di Enzo Biagi sia stata accolta dal direttore Padellaro che, insieme a Marco Travaglio e altri, ha poi fondato questa testata indipendente. La frase più bella da quando è nato il nostro giornale però l’avete scritta voi in un messaggio inviato all’allora Antefatto: “Continuate così. Noi siamo il vostro editore. Fino a quando compreremo il vostro giornale non dovrete temere nulla”.

Articoli di Elisabetta Reguitti

Politica - 24 settembre 2010

Adro: il silenzio colpevole del prefetto

Diventa ogni giorno più scandaloso il silenzio delle istituzioni e della Prefettura di Brescia sulla vicenda di Adro. Nessuno agisce per fare in modo che il sindaco ottemperi a quanto chiesto dal ministro Mariastella Gelmini e dal dirigente scolastico regionale: togliere cioè i simboli del partito della Lega dagli ambienti e dalle attrezzature di una […]
Cronaca - 16 settembre 2010

Adro, via i primi scolari dalla scuola padana

Arrivano i primi due ritiri dalla scuola di Adro. Solo in tarda serata la conferma della notizia: si tratta di due ragazzine, sorelle che frequentano la scuola media. E’ stata la stessa mamma, Laura Parzani, a comunicare la difficile decisione. “Non me la sono sentita di mandare le mie figlie di una scuola pubblica italiana […]
Lavoro & Precari - 21 agosto 2010

100 vite, 100 storie, 100 morti di lavoro

Soltanto in questo mese i morti sono stati 19 (rispetto ai 20 dell’ anno scorso). L’ultima vittima: un operaio di 33 anni schiacciato sotto un muletto a Campi Bisenzio, in una ditta per la lavorazione di marmi. Di lui non si conosce neppure il nome. Si sa solo che era nato in Senegal. In Italia […]
Società - 2 febbraio 2010

Italia, la normale fine di un operaio

Niente stipendio da agosto, si è ucciso dandosi fuoco Un’azienda fantasma e la “rete impossibile” dei controlli Sergio Marra non si è tolto la vita per aver perso il posto il lavoro. Sergio Marra da agosto dell’anno scorso lavorava senza prendere il becco di un quattrino. E l’azienda – la Elgicolor Plast Srl di Ciserano […]
Società - 19 dicembre 2009

Ospitalità? Parenti stranieri, ma solo se c’è spazio

Giro di vite leghista sugli ospiti delle famiglie straniere. A Montecchio Maggiore (Vicenza) familiari e conoscenti dovranno fare a turno per soggiornare nelle case dei propri amici. Il sindaco Milena Cecchetto infatti ha deciso di estendere l’applicazione dei parametri abitativi anche all’ospitalità temporanea. Dunque d’ora in poi nel comune vicentino anche i cittadini stranieri in […]
Politica - 12 dicembre 2009

Il razzismo delle amministrazioni locali

C’è un limite che perfino la Lega, a Roma, oggi non può superare. L’emendamento che introduce la cassa integrazione differenziata e che ha fatto gridare alle leggi razziali però è solo un aspetto della politica discriminatoria che a livello locale diventa implacabile. Lo dimostra ad esempio il caso di Brignano Gera d’Adda, comune in provincia […]
Politica - 12 dicembre 2009

Il razzismo delle amministrazioni locali

C’è un limite che perfino la Lega, a Roma, oggi non può superare. L’emendamento che introduce la cassa integrazione differenziata e che ha fatto gridare alle leggi razziali però è solo un aspetto della politica discriminatoria che a livello locale diventa implacabile. Lo dimostra ad esempio il caso di Brignano Gera d’Adda, comune in provincia […]
Operazione Cultura - 15 settembre 2009

Un milione di ragioni per andare in piazza il 19 settembre

La parola d’ordine è normalizzare. Omologare le notizie. Uniformare l’informazione. Possibilmente senza dare troppo nell’occhio. Magari in modo subdolo. Ma quanto mai inesorabile. La questione Raitre insegna. Togliere la tutela legale ai collaboratori di Report di Milena Gabanelli è un modo. Mettere i giornalisti nella condizione, di fatto, di non poter fare domande che danno […]
Economia & Lobby - 2 settembre 2009

Senegalese, stanco di vivere in Italia, si autodenuncia

Nel 2003 era arrivato dal Senegal in Italia, probabilmente come clandestino. Poi era riuscito a mettersi in regola con il permesso di soggiorno. Sognava un lavoro, una famiglia e un’esistenza normale, ma da qualche tempo le vicissitudini della vita e la crisi economica lo avevano messo in ginocchio. Senza lavoro e senza casa era precipitato […]
Società - 31 agosto 2009

Strani collegamenti tra il giallo del Circeo e la strage di piazza della Loggia

Chissà se oggi, da uomo libero, Gianni Guido risponderà alle domande sulla Strage di piazza della Loggia che alle 10 e 12 del 28 maggio 1974 provocò otto morti e oltre 100 feriti. A unire il giallo del Circeo alla strage bresciana sarebbero le rivelazioni fatte da Ermanno Buzzi (neofascista bresciano condannato per la strage […]
Seconda Repubblica al veleno
Nichi, sul matrimonio gay lei sbaglia

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×