/ / di

Beppe Giulietti Beppe Giulietti

Beppe Giulietti

Giornalista

Giuseppe Giulietti è nato a Roma il 19 ottobre 1953. Le scuole elementari le ha fatte a Napoli, le medie e il liceo classico a Venezia, l’Università invece a Roma, dove ha pensato bene di laurearsi in Lettere dedicando la tesi agli anabbatisti perché già allora provava una irresistibile attrazione per gli eretici, gli irregolari, quelli che diffidano dei dogmi e delle sante o laiche inquisizioni. Alla Rai ci è arrivato nel 1979 dopo aver vinto il primo concorso che l’azienda decise di bandire per giornalisti praticanti. Dopo un decennio trascorso nella sede del Veneto, fondò con tanti altri il gruppo di Fiesole, da qui la successiva attività sindacale nell’Usigrai, il sindacato dei giornalisti della Rai, e nella Federazione della Stampa. Attualmente è il portavoce di Articolo 21, associazione fondata e presieduta da Federico Orlando, siede in Parlamento nel gruppo misto ed è componente della commissione cultura della Camera dei deputati. Non coltiva grandi sogni salvo quello di vedere unite tutte le opposizioni, politiche e sociali, non solo per mandare a casa Berlusconi, ma soprattutto per liberare l’Italia dal berlusconismo, una malattia che ha già contagiato milioni di italiani e persino chi crede di esserne immune.

Post di Beppe Giulietti

Media & Regime - 4 gennaio 2016

Rai, galeotta fu la bestemmia

“Galeotta fu la bestemmia…”, si potrebbe titolare così, parafrasando Dante, lo psicodramma di fine anno, relativo alla bestemmia via sms sfuggita ai controlli e trasmessa in diretta durante gli auguri di Capodanno su Rai1, la rete formato famiglie, l’ammiraglia del servizio pubblico, secondo il dizionario di viale Mazzini. Dal momento che non sopportiamo l’uso della bestemmia, […]
Mondo - 2 gennaio 2016

Erdogan, Hitler e il silenzio (opportunistico) dell’Europa

Nonostante la tardiva smentita, le parole del presidente Erdogan su Hitler sono sembrate eccessive persino ai tanti che, in Europa, lo hanno eletto a “defensor” dai pericoli delle migrazioni siriane. L’ultima esternazione, nella quale, ha espresso il suo apprezzamento per il “presidenzialismo forte” della Germania nazista, rappresenta il segno di un degrado che non ha più […]
Lavoro & Precari - 31 dicembre 2015

Lavoro: non sarà schiavitù, ma sfruttamento sì

Siamo tra quelli che non sopportano l’uso in libertà delle parole e soprattutto l’abuso di termini che andrebbero maneggiati con cura e con grande parsimonia, per evitare che determinate espressioni perdano il loro significato originario, e persino la loro capacità evocativa. Per questo non abbiamo mai sopportato l’uso della parola “olocausto” per indicare qualcosa di diverso […]
Media & Regime - 29 dicembre 2015

Renzi, è tempo di colpire chi molesta l’articolo 21 della Costituzione

Il Fatto Quotidiano ha già riportato i dati relativi al rapporto 2015 pubblicato da Reporter sans frontiers. Negli ultimi 10 anni sono oltre 700 i cronisti ammazzati nel mondo, 110 solo quest’anno. Si tratta di dati per difetto che non tengono conto di altre decine di vittime, cronisti senza contratto, giovani blogger, militanti dei diritti civili ammazzati […]
Mafie - 28 dicembre 2015

Terre sequestrate alla camorra: tiriamo un pacco al malaffare

Non conoscevo Antonio Picascia, l’imprenditore di Caserta, al quale la camorra ha bruciato la fabbrica, perché si era ribellato al pagamento del pizzo. L’ho incontrato alla festa di Articolo 21, dedicata a coloro che “illuminano le oscurità”, perché Valerio Cataldi, coraggioso ed appassionato inviato del Tg2, lo ha invitato e ha voluto che raccontasse la […]
Media & Regime - 24 dicembre 2015

Rai, a quando la vera riforma?

“Libereremo la Rai dalle interferenze di governi e partiti…” “La Rai non può essere governata da una legge che porta il nome di Gasparri..” “Bisogna restituire la Rai ai cittadini e liberarla dalla politica..” Queste alcune delle frasi pronunciate da Renzi sul futuro della tv pubblica. Mai come in questo caso avevamo condiviso le sue parole, […]
Media & Regime - 22 dicembre 2015

Misna, la sua chiusura rischia di spegnere la luce sulle periferie del mondo

Misna (Missionary International Service News Agency) è l’agenzia di stampa che, dal 1997, ha davvero “illuminato” le periferie del mondo. Fondatore e primo direttore è stato, nel 1997, padre Giulio Albanese, comboniano. Per anni la Misna, e la sua redazione, sono stati il punto di riferimento per chiunque volesse capire qualcosa in più sui conflitti […]
Mafie - 19 dicembre 2015

Giornalisti minacciati, con Alessia e tutti gli altri

I premi articolo 21 dedicati alla libertà di informazione, e dedicati a Santo Della Volpe, sono stati consegnati, tra gli altri a Nello Trocchia, collaboratore del Fatto, a Marilu Mastrogiovanni, direttrice del “Tacco” periodico pugliese di Casarano e a Paolo Borrometi, direttore de La Spia, costretto a vivere sotto scorta per le sue inchieste sulla […]
Giustizia & Impunità - 13 dicembre 2015

Morte Cucchi, ‘Usi obbedir parlando’

Il comandante generale dei carabinieri che ha chiesto chiarezza sulla morte di Stefano Cucchi, contestualmente ha voluto alzare il suo grido di dolore contro chi tenterebbe di infangare l’Arma. Proprio perché conosciamo centinaia di carabinieri e poliziotti che, ogni giorno, tra mille difficoltà e rischi, si battono contro malaffare, mafie e camorre, ci permettiamo di […]
Società - 4 dicembre 2015

Il presepe celtico?

“La guerra del presepe” ha conquistato l’attenzione generale, decine e decine gli articoli e le trasmissioni che hanno raccolto le voci dei crociati schierati pro o contro. Salvini ha annunciato che farà il suo presepe, probabilmente al posto degli arabi metterà delle statuette padane, il bue sarà di Cantu, l’asinello di Treviglio, i Re Magi […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×