ƒ

IlFattoQuotidiano.it / BLOG / di Andrea Ferrari

Andrea Ferrari Andrea Ferrari

Andrea Ferrari

Assessore alle politiche culturali, Comune di Lodi

Se si considerano i riccioli sempre un po’ ribelli e la pila di giornali e riviste immancabilmente sotto il braccio, potrei sembrare diverse cose, ma non un politico. Immagino sia difficile pensare a me impegnato a procacciarmi voti, a mercanteggiare preferenze, a inseguire consensi popolari a dispetto dell’etica, ad occupare poltrone e poltroncine. Colpa dell’immagine ormai deformata che abbiamo dell’uomo politico. Perché in realtà i politici dovrebbero avere un altro obiettivo: amministrare per il meglio la cosa pubblica. Un’attività cui mi dedico soprattutto nei settori della cultura e del sociale. Da qualche anno questo è il mio lavoro, mentre praticamente da sempre è la mia passione. Figlio d’arte, con una madre combattiva e incapace di fermarsi, mi sono sempre speso fin dalla giovinezza. E mi muovo in ambiti apparentemente lontanissimi. Certi giorni mi dedico ad organizzare mostre, stagioni teatrali, spettacoli ed esibizioni che mi portano a cena con mostri sacri del mondo della cultura italiana; in altre occasioni faccio il volontario in carcere sforzandomi di insegnare ai detenuti un mestiere o almeno qualche regola base della lingua italiana. Ho grandi sogni e grandi speranze, che alimento attraverso la mia passione per il viaggio. Giro il mondo appena posso, insieme alla mia compagna di vita e alla mia primogenita Ginevra. Quando torno da un paese lontano porto con me immagini, emozioni e nuove prospettive. Che cerco di infilare sui connotati del nostro paese, sperando così, chi lo sa, di cambiarli in meglio. Magari cancellando mali come la connivenza con la mafia, uno dei miei grandi nemici.

Post di Andrea Ferrari

Cronaca - 26 aprile 2011

Il “Risorgimento arabo”
e la cultura della pace

In questi mesi abbiamo assistito ad alcuni cambiamenti geopolitici che hanno travolto moltissimi regimi considerati immodificabili. Fatti che, da un punto di vista storico, potranno essere letti nella loro importanza solo in futuro. Una rivoluzione straordinaria, una nuova voglia di democrazia, paragonabile, forse, all’energia delle popolazioni che si sono liberate nel XX secolo dai loro […]
Cronaca - 11 marzo 2011

Come uccidere il Festival di Mantova

In Italia, quello che si svolge ogni anno a Mantova, viene considerato “il” Festival. In tanti lo hanno frequentato, hanno fatto la fila per entrare agli incontri, ne hanno apprezzato i contenuti e la dimensione “umana” che, forse, solo una città come Mantova può offrire. L’emozione di incontrare tantissimi scrittori per le piccole strade della […]