Aggiornato alle 13:21 di Mercoledì 29 Marzo 2017
Direttore testata online: Peter Gomez

Il fatto quotidiano

In Italia asfalto dissestato e viadotti pericolanti
Ma i controlli chiesti dall’Ue non sono mai partiti

Per tenere in efficienza strade, ponti e viadotti ci vorrebbe una buona manutenzione. Prima ancora bisognerebbe sapere dove e come concentrare gli interventi. Invece in Italia si investe poco in manutenzione e per quanto riguarda le ispezioni preventive è ancora peggio: non sono mai partite. Una direttiva Ue del 2008 voleva che ispettori ministeriali, cioè soggetti terzi rispetto ai gestori andassero sul posto per verificare asfalto, barriere protettive, segnali, ponti, viadotti. La prescrizione è stata recepita dall’Italia con la solita calma, tre anni dopo. Da allora, però, nemmeno un ispettore è stato inviato sulle strade

di Daniele Martini
Da Il Fatto Quotidiano Premium

Nella tesi di dottorato del ministro Madia
quattromila parole con il copia e incolla
Replica: “No anomalie, fonti sono citate”

Bologna, bisarca contro bus di turisti
Oltre 40 persone coinvolte, 16 ferite
Chiuso raccordo A1-A14 – Fotogallery

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×

Garantire la libertà de ilfattoquotidiano.it costa il prezzo di un cappuccino alla settimana.
Sostieni il nostro giornalismo a 60 euro l’anno o 5,99 euro al mese.

Diventa sostenitore
×