Prima le rapine e poi una violenza sessuale. Sono i reati contestati a un cittadino marocchino di 27 anni. L’uomo, senza permesso di soggiorno, è stato arrestato per avere abusato in auto di una ragazza di 24 anni. Il magrebino, fingendo di avere una pistola, ha aggredito una coppia che era in auto ferma sul sul lungomare di Pegli (Genova). Ha prima obbligato il fidanzato, alla guida della vettura, a scendere per andare a prelevare e consegnargli dei soldi ad un bancomat, poi ha violentato la giovane. È tutto avvenuto alle 4 scorsa notte in salita Cataldi, a Sestri Ponente, dove l’uomo si era fatto trasportare con l’auto della coppia, intercettata e minacciata.

Prima di aggredire la coppia il giovane pluripregiudicato, aveva messo a segno due rapine sul lungomare ai danni di due ventenni, feriti al viso con i cocci di una bottiglia (guariranno in 5 e 8 giorni) e costretti a consegnare cellulari e portafogli, e di cinque amici ventenni a cui lo straniero ha fatto credere di avere una pistola in tasca e obbligati a consegnare telefonino e soldi. Il marocchino è stato arrestato dai poliziotti delle volanti: gli agenti dopo la prima rapina battevano le strade del ponente e hanno intercettato la vettura della coppia vittima dell’ultima aggressione subito dopo la violenza sessuale.