Dopo il no di sette coppie, finalmente una neonata nata con la sindrome di Down ha trovato un papà. Un uomo single che aveva chiesto di occuparsi di un bimbo disabile. Questa storia, che arriva da Napoli, è riportata sul pagine del quotidiano Il Mattino. La piccola è stata lasciata in ospedale dopo un parto anonimo: la madre non l’ha riconosciuta, come permette la legge, poi ha lasciato l’ospedale. Il caso della bimba è stato immediatamente segnalato dall’ospedale al Tribunale per i minorenni di Napoli.

Per i giudici è iniziata un lungo percorso per tentare di dare una famiglia alla neonata. La prima famiglia contattata ha detto no, ma anche la seconda e tutte le altre. Fino a quando è stato trovato lui: l’uomo che aveva presentato una domanda chiedendo di potersi prendere cura di un piccolo disabile senza porre alcuna condizione. La legge che regola l’adozione, sia nazionale sia internazionale, prevede che siano solo le famiglie che rispettino specifici criteri a poter aspirare ad adottare un bambino. Ma anche una norma così rigida offre la possibilità, come nei casi di grave disabilità del piccolo, di giudicare idoneo anche chi non vive in coppia. Se tra questo coraggioso single e la piccola si stabilirà un rapporto stabile e duraturo, lei potrà diventare per legge sua figlia grazie all’articolo 44 della legge 184 del 1983. Un’adozione speciale per tanti motivi.