Sono in tanti a storcere il naso al solo sentirlo nominare, il “Grande Fratello Vip”. A suon di “chissenefrega”, il reality di Canale5 è trattato da molti con indifferenza se non addirittura con astio. La colpa del programma condotto da Ilary Blasi e Alfonso Signorini? Quella di essere trash. E diseducativo. Su questo secondo punto va detto che gli autori del GFVip si sono impegnati non poco per dare ragione ai detrattori, “lasciando passare” le affermazioni ignoranti e omofobe di Marco Predolin e Giulia De Lellis, almeno fino alla puntata di ieri sera. Perché proprio durante la diretta di lunedì 2 ottobre sono stati presi i provvedimenti tanto attesi, soprattutto dal pubblico dei social, nei confronti di Predolin: fuori. Squalificato per aver bestemmiato in diretta. E un “cazziatone” è toccato anche a Giulia De Lellis, la fidanzata di Andrea Damante che nei giorni scorsi si è resa icona di una ignoranza mista a omofobia quasi senza precedenti sul piccolo schermo. Un piccolo schermo che. anche ieri sera. si è colorato di trash a tinte forti. A lasciare il reality è stata Carmen Di Pietro, non tanto per demerito suo, quanto per “valore” dell’avversario, un Daniele Bossari amatissimo dal pubblico.

Un copione che, salvo qualche variante, si mantiene pressoché identico, puntata dopo puntata. E che, con buona pace di chi da anni vorrebbe vederlo chiudere i battenti, piace al pubblico televisivo.

La quarta puntata ha infatti registrato un record di ascolti: 4.768.000 telespettatori e il 24.77% di share (27.06% sul target commerciale). Con punte che hanno addirittura sfiorato il 40% di share. E non sorprende granché sapere che il pubblico giovanissimo è più che presente nel bacino di spettatori del GF: 38.84% di share tra i 15-19enni. C’è di che mettersi le mani nei capelli, diranno i detrattori di cui sopra. E probabilmente non a torto. Anche se, a onor del vero, il vincitore della serata di ieri è stato Andrea Bocelli. Sua la storia raccontata nel film tv La musica del silenzio, in onda su RaiUno, che ha conquistato 6.080.000 spettatori pari al 25.08% di share. Che ci sia qualche speranza?