Esce dal carcere dopo nove anni O.J. Simpson, l’ex campione di football e star di Hollywood che negli anni novanta era stato assolto dall’accusa di aver ucciso l’ex moglie ed un suo amico in quello che fu definito il processo del secolo. E’ stato rilasciato dalla prigione del Nevada dove ha scontato nove anni per rapina a mano armata. Un portavoce della prigione di Lovelock ha detto che Simpson, che ora ha 70 anni, è stato scarcerato questa mattina all’alba.

Alla commissione per la parole che lo scorso luglio ha concesso la libertà vigilata, OJ ha detto che si trasferirà in Florida. L’ex campione dei Buffalo Bills era stato condannato a 15 anni per una rapina, fallita, di cimeli sportivi in un albergo di Las Vegas. Dopo essere stato assolto nel 1995 nel processo penale, due anni dopo era stato poi trovato colpevole della morte di Nicole Brown e Ronald Goldman in un processo civile e condannato a pagare 33,5 milioni di dollari di risarcimento alle famiglie.

In jeans, cappellino bianco con visiera e scarpe da ginnastica, l’ex star del football è uscito dal Correctional Center di Lovelock, in Nevada, poco dopo la mezzanotte. Simpson vuole ricongiungersi con la famiglia in Florida, dove vivono due dei suoi due figli. Ma la strada è in salita: le autorità dello stato affermano di non aver ricevuto la documentazione necessaria e, soprattutto, di non volerlo. “Siamo consapevoli del suo passato e della sua mancanza di rispetto per la vita degli altri. Il nostro stato non vuole diventare il country club di pregiudicati” scrive il procuratore generale della Florida, Pam Bondi. I legali di The Juice, così come era conosciuto negli anni d’oro quando indossava la maglia dei San Francisco 49ers, ormai settantenne, sono al lavoro per cercare di risolvere l’impasse.

Mentre si gode le prime ore di libertà, l’ex campione si prepara anche al suo ‘ritorno’ in televisione con la prima intervista in via di definizione: gli avvocati hanno contattato le maggiori emittenti televisive, avviando trattative sul compenso. Simpson punta a incassare – secondo indiscrezioni – fra i tre e i cinque milioni di dollari per la sua prima apparizione sul piccolo schermo. The Juice ha ottenuto la libertà condizionale in luglio dopo aver scontato una condanna di nove anni sui 33 che gli erano stati inflitti. L’udienza che lo ha portato fuori dalla cella ha incollato alla tv milioni di americani, con il ricordo ancora vivo del ‘processo del secolo’ degli anni 1990 che lo aveva visto protagonista.

Nel 1994 Simpson è stato infatti accusato di aver ucciso la sua ex moglie Nicole e il suo amico Ronald Goldman. Il processo era andato avanti per mesi e aveva spaccato l’America, innescando anche un furioso dibattito sulla questione razziale. L’ex campione era stato alla fine scagionato per mancanza di prove. Nel 2008 però è finito in carcere per rapina e sequestro. Ora Simpson è di nuovo libero.