Non si smette mai di essere sexy. L’età è solo un numero, se sei sano e in forma. Un uomo e una donna possono continuare a essere oggetti e soggetti erotici fino alla morte. Chi sostiene il contrario ha pregiudizi sociali o antropologici…”. Forse per questa convinzione Hugh Hefner, morto a 91 anni, è riuscito a costruire un marchio ad oggi inconfondibile sfidando il puritanesimo ed incarnando una delle molte espressioni della rivoluzione sessuale. Hugh, il fondatore della rivista Playboy, è spirato morto per cause naturali nella sua casa di Los Angeles, la Playboy Mansion vicino Beverly Hills, circondato dalla sua famiglia.

Il comunicato è stato diffuso dalla stessa casa editrice di Playboy, a cui fa capo un vero e proprio impero dell’intrattenimento ammiccante, popolato dalle playmate, le onnipresenti, sorridenti e avvenenti conigliette nate dalla fantasia di Hefner per raggiungere quella di milioni di uomini in tutto il mondo attraversando diverse generazioni.  Era il 1953 quando il 27enne Hefner fondò Playboy. Giovane marito e padre, aveva da poco lasciato il suo precedente lavoro presso una rivista dedicata ad attività per bambini. Forse allora non aveva ancora chiara l’entità dell’impresa che si apprestava a perseguire.

Hefner abbracciò la sfida della rivoluzione sessuale e la rese sua. Donne graziose, sorridenti e poco vestite come formidabile antidoto al puritanesimo americano. E Playboy fu una rivoluzione in sé, a sua volta non impermeabile ai cambiamenti attraverso i decenni. Criticata e osteggiata da alcuni, celebrata e osannata da altri, il tratto inconfutabile della rivista Playboy è la sua notorietà, emblema di una operazione di marketing tra le più riuscite. Playboy voleva offrire il sogno di cui Hefner fu testimonial tanto quanto le sue playmate. Dalle foto patinate quindi alle Playboy Mansion, dalla carta al video, gli show, i gadget, il lifestyle, fatto non solo di conigliette sempre sorridenti ma anche dell’edonismo interpretato da Hefner, onnipresente, in vestaglia di seta e con l’inseparabile pipa.

Intuizione fortunatissima quella di Hefner, capace come pochi di leggere il segno dei tempi: così nella prima edizione di Playboy comparivano foto di una giovane Marilyn Monroe senza veli (erano state scattate alcuni anni prima) insieme con la promessa di “umorismo, sofisticatezza e pepe”. In un anno la tiratura della rivista raggiunse quasi le 200mila copie, diventate un milione in cinque anni; negli anni ’70 i lettori erano sette milioni mentre aveva già ispirato prodotti simili, da Penthouse ad Hustler. Con l’avvento di Internet la competizione, anche per Playboy, si è fatta durissima e le copie sono scese a meno di tre milioni. Nel 2015 Playboy ha smesso di pubblicare foto di donne nude proprio in risposta alla diffusione di tali immagini in rete. Ma fino alla fine Hefner ha mantenuto la sua promessa. E della diva morta a 36 anni disse: “Marilyn Monroe è l’icona che incarna la quintessenza di Playboy. Tutto è iniziato con lei e tutto finirà con lei”.