Migliaia di militari, operatori delle squadre di soccorso e civili, tra i quali molti studenti, stanno continuando a scavare da ore tra le macerie di Città del Messico e degli altri centri messicani colpiti dal devastante sisma, di magnitudo 7,1, di ieri pomeriggio. Nella capitale è crollata anche una scuola elementare. “C’era il caos – racconta una donna –  io sono arrivata subito dopo la scossa, i miei figli vanno alla scuola vicina, quando ho visto il crollo sono andata nel panico e ho cominciato a correre per cercare i miei bambini e poi ho trascorso il pomeriggio a vedere come salvavano le persone