Alice Little, Tiara Tae e Harley Lane sono le prime prostitute al mondo comproprietarie del bordello legale in cui lavorano. La notizia è stata pubblicata dal sito avn.com a seguito dell’intenzione di Dennis Hof, proprietario di sette bordelli legali in tutta la contea di Nye in Nevada compreso il celebre Bunny Ranch, di acquistare il Chicken Ranch, a circa 60 miglia fuori Las Vegas, gestito da parecchi anni con successo. La proprietà avrebbe chiesto ad Hof di passare dall’affitto dell’immobile al definitivo acquisto. A questo punto all’imprenditore si è accesa una lampadina che potrebbe diventare uno dei gesti più rivoluzionari nel settore del sesso a pagamento legalizzato. Proporre alle ragazze che lavorano nei suoi bordelli di investire una parte dei loro guadagni per diventare co-proprietarie del Chicken Ranch. “Possiedo già metà dei bordelli che gestisco in Nevada e non ero inizialmente attratto dal fatto di acquistare anche il Chicken Ranch”, ha spiegato Hof. “Poi una delle ragazze che lavora per me mi ha detto in modo schietto che se non lo avessi acquistato io, il bordello l’avrebbe in qualche modo acquistato lei, allora ho pensato: se condivido con lei e altre sue colleghe l’acquisto ottengo i soldi che mi mancano per comperarlo, rinnovo il Chicken Ranch e la ragazze che hanno già esperienza e competenza in questo lavoro possono dire la loro anche a livello gestionale in un ambito professionale che conoscono benissimo. Accidenti: queste investitrici conoscono il business perché sono esse stesse il business”.

Alice, Tiara e Harley hanno già accettato la proposta di Huf investendo una somma considerevole nel bordello situato nella cittadina di Parhump. Alice Little, una delle tre investitrici, che è anche una delle ragazze più redditizie tra le dipendenti di Hof, ha parlato di “scelta rivoluzionaria per l’industria del sesso negli Stati Uniti” compiuta dal proprio capo che è diventato ora suo socio in affari. “Per troppo tempo l’industria legale americana del bordello è stata dominata da un gran numero di proprietari maschi di bordelli”, ha affermato la Little. “È giunto il momento che le donne che compongono questo settore non solo mettano bocca nel lavoro che fanno, ma che abbiamo anche un posto al tavolo degli affari dove possono affermare una vera e propria leadership femminile”. Harley Lane, un’altra nuova socia e co-proprietaria del Chicken Ranch ha spiegato: “Al Bunny Ranch le ragazze non possono indossare i pantaloncini corti di jeans modello denim mentre lavorano, allora per me come ragazza del Texas che ama il suo denim, e come co-proprietaria del Chicken Ranch, sarà la prima regola stupida che abolirò. Sembra un dettaglio da nulla, ma quando potrò lavorare con i miei jeans attillati e corti saprò che questa è la mia casa con le mie regole”. “In realtà la decisione di Dennis non mi sorprende”, ha spiegato Tiara Tae, la terza socia del Chicken Ranch. “Hof aveva già affidato il compito di direttore generale del Bunny Ranch ad una donna forte come Madam Suzette. Credo che lui si fidi a lavorare con le ragazze e sa che abbiamo denaro cash per aiutarlo nell’acquisto”. Le ragazze che lavorano al Bunny Ranch e negli altri sei bordelli di Hof tengono per sé il 50% dei guadagni dai servizi resi.