Cronaca Nera

Firenze, indagati per violenza sessuale i due carabinieri: “Gazzella per 20 minuti vicino alla casa delle due americane”

Le ragazze hanno confermato la loro versione al magistrato, senza contraddirsi. Sarebbero state adescate all'esterno di un locale dove i militari erano intervenuti per dei disordini. La pattuglia ripresa dalle videocamere di sorveglianza vicino alla casa delle 21enni. Si attende l'esame del dna sulle tracce biologiche trovate in casa e sui vestiti. Dipartimento Usa: "Accuse molto serie". Ministro Pinotti: "C'è qualche fondatezza"

Sono stati identificati e indagati per violenza sessualecarabinieri accusati da due studentesse statunitensi di averle violentate a Firenze. Ascoltate a lungo dai magistrati, le due hanno confermato quanto avevano denunciato giovedì mattina ai poliziotti. E per questo, il pm ha deciso di mettere sotto inchiesta i due uomini dell’Arma, un appuntato scelto e un carabiniere scelto, entrambi in forza al nucleo radiomobile del reparto operativo del comando provinciale di Firenze. Gli investigatori hanno identificato i due carabinieri grazie a due telecamere di videosorveglianza: la loro pattuglia potrebbe aver sostato per circa 20 minuti davanti al palazzo del centro storico in cui vivono le giovani. Una delle due telecamere ha infatti ripreso l’arrivo della vettura e l’altra la sua uscita dalla zona: tra le due immagini intercorrerebbero, appunto, 20 minuti. Non ci sarebbero invece telecamere nella piazzetta dove si affaccia il palazzo. I reperti della polizia scientifica nello stabile dove vivono le due ragazze, scrive Repubblica,  confermerebbero la presenza di tracce biologiche compatibili con un rapporto sessuale che sarebbe avvenuto nell’androne del palazzo e nell’ascensore. Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, parla di “qualche fondatezza rispetto alle accuse che vengono mosse”. “Le prendiamo molto seriamente“, ha comunicato il dipartimento di Stato Usa.

E’ stato anche accertato che le due studentesse americane 21enni hanno avuto recenti rapporti sessuali. E’, tuttavia, ancora da capire se i rapporti sessuali siano o meno da ricondurre alla presunta violenza di cui affermano di essere state vittime. Ci sarebbero, inoltre, testimoni che hanno visto le due ragazze salire sull’auto di servizio dei militari, che non sarebbero ancora stati ascoltati dalla procura, né al momento raggiunti da informazione di garanzia. Si attende l’esame del dna sugli abiti delle studentesse americane, sequestrati per le analisi. Il comandante generale del’Arma, generale Tullio Del Sette, interpellato dall’Ansa in merito al presunto stupro, ha detto che “se fosse vero, cosa che auspichiamo tutti venga accertata quanto prima, si tratterebbe di un fatto di gravità inaudita che rende i protagonisti indegni dell’uniforme che indossano e che comporterà gravi conseguenze, anche immediate, sul piano disciplinare e della condizione di stato”.

Secondo il racconto delle ragazze (ascoltate separatamente hanno confermato la denuncia e non avrebbero fornito una versione contraddittoria dell’accaduto), sono state avvicinate fuori da un locale nella notte tra mercoledì e giovedì scorso. I carabinieri le hanno poi accompagnate a casa con l’auto di servizio. I due erano intervenuti insieme ad altre pattuglie per alcuni disordini nella discoteca Flò a piazzale Michelangelo, dopo la chiamata del titolare del locale. Le 21enni, studentesse di un’università americana nel capoluogo toscano, erano proprio fuori dal locale, quando – raccontano –  hanno conosciuto i due militari. I presunti aggressori le avrebbero adescate e poi riaccompagnate a casa sulla macchina di servizio. Qui, sarebbe avvenuta la violenza.

I carabinieri – riporta La Repubblica – avrebbero avvisato la centrale che si fermavano per un controllo. Ed invece, una delle due 21enni sostiene di essere stata stuprata nell’androne del palazzo, l’altra avrebbe subito l’abuso nell’ascensore, e non nell’appartamento come emerso inizialmente. Alle prime ore del mattino la chiamata al 113, che ha fatto scattare prima l’intervento delle volanti e poi quello della Squadra mobile. Trasportate al pronto soccorso di Santa Maria Nuova, le due sono state trasferite alla Torregalli, dove è stato attivato il percorso predisposto nei casi di violenze. Entrambe erano apparse provate psicologicamente e una delle due era ancora sotto l’effetto di alcol.

“Prendiamo queste accuse molto seriamente”, ha detto il dipartimento di Stato americano all’Ansa. “I nostri uffici all’estero sono sempre pronti ad assistere cittadini Usa vittime di crimini che cercano assistenza dalle nostre ambasciate e dai nostri consolati”, ha aggiunto il dipartimento di Stato, rifiutandosi di fare ulteriori commenti “per la natura sensibile di questo caso e per proteggere la privacy delle persone coinvolte”. Nel frattempo, questa mattina il console americano Benjamin Wohlauer ha incontrato il questore del capoluogo toscano Alberto Intini. L’incontro è avvenuto negli uffici della questura ed è durato circa un’ora. Il console ha lasciato la questura senza rilasciare dichiarazioni.

Wohlauer si è recato questa mattina anche presso il comando provinciale dei carabinieri, su invito degli stessi militari. Dal comando provinciale di Firenze si fa sapere che il console è stato rassicurato sulla massima “trasparenza, rigore e sforzo dell’Arma per arrivare alla verità”. Durante il faccia a faccia è stata inoltre sottolineata da parte dei carabinieri la volontà “di rassicurare tutti i cittadini stranieri che l’Arma è a fianco alla gente da sempre e continuerà ad esserlo. “Questo episodio – è stato precisato – non deve minare l’impegno di donne e uomini che ogni giorno mettono a repentaglio la loro vita per i cittadini”.

“Gli accertamenti sono ancora in corso, ma risulta una qualche fondatezza rispetto alle accuse che vengono mosse”, ha detto a Milano il ministro Pinotti. “Si tratterebbe – ha aggiunto durante Il Tempo delle Donne -, e il condizionale è d’obbligo, di un episodio gravissimo. Lo stupro è sempre grave, ma è di gravità inaudita se commesso da carabinieri in uniforme”.

Anche la procura militare di Roma ha aperto un fascicolo sulle presunte violenze sessuali compiute a Firenze. Lo ha confermato all’Ansa il procuratore militare, Marco De Paolis, precisando anche “al momento di tratta di atti relativi al fatto”. “Ci siamo mossi – ha detto De Paolis – sulla base delle notizie di stampa e siamo in attesa di ricevere un rapporto della polizia giudiziaria. Dalle ricostruzioni giornalistiche della vicenda, infatti, emergono astrattamente anche reati militari come la violata consegna e il peculato militare. Quando avremo ricevuto il rapporto giudiziario – ha concluso il procuratore militare – potremo fare delle valutazioni più pertinenti”.

Commenta!