Giornata drammatica per gli incidenti mortali sul lavoro. Tre operai hanno perso la vita: due nel centro storico di Lucca cadendo da una gru mentre installavano delle luminarie e uno nel Bergamasco, schiacciato da alcuni sacchi mentre manovrava un muletto.

LUCCA, 54ENNE E 61 ENNE PRECIPITANO DALLA GRU – Erano a lavoro sulle luminarie quando sono precipitati dalla gru, alta oltre 10 metri, e hanno perso la vita. I due si trovavano all’interno del cestello all’estremità del braccio del veicolo da lavoro quando sono caduti. Uno dei due, un uomo di 54 anni, è morto sul colpo. Mentre il collega di 61, rimasto ferito in modo grave, e portato d’urgenza in ospedale è spirato nel tardo pomeriggio. I due operai si trovavano in via Vittorio Veneto, a due passi da piazza San Michele, nel centro storico della città, per posizionare dei lumini in vista della processione della Santa croce, in programma il prossimo 13 settembre. Erano a bordo di un’autoscala di una ditta e stavano lavorando agli addobbi dei piani alti di palazzo Pretorio. Ancora da chiarire la dinamica della caduta ma dai primi accertamenti sembra che la causa sia la rottura del braccio meccanico che reggeva il cestello. Per cause ancora da accertare la parte superiore del pistone idraulico ha ceduto di schianto ed il cestello è precipitato a terra. Nessun passante è rimasto coinvolto nell’incidente. E sono state proprio alcune persone di passaggio a fornire la prima sommaria assistenza ai due lavoratori. Il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini ha annunciato che nel giorno in cui si svolgeranno i funerali dei due operai sarà proclamato il lutto cittadino. E anche la processione per la quale stavano lavorando ai preparativi perderà il suo connotato di festa: niente spettacolo pirotecnico finale, niente ‘lumini’ lungo il percorso. “Ancora un incidente mortale sul lavoro – commenta il presidente della Toscana, Enrico Rossi: “Davvero inaccettabile che oggi si debba ancora morire in questo modo”.

BERGAMO, 34ENNE SCHIACCIATO DAI SACCHI – L’altro drammatico incidente sul lavoro è accaduto nello stabilimento della Ravago, azienda che produce materie plastiche nella zona industriale di Mornico al Serio, in provincia di Bergamo. Secondo quanto ricostruito, l’uomo mentre era alla guida di un muletto ha urtato un sacco di granuli di plastica e lo ha forato. Quando è sceso dal mezzo per cercare di richiuderlo, sarebbe stato travolto da altri sacchi pieni di materiale, rimanendo schiacciato e soffocato. Indagano i carabinieri.