I vertici della Banca d’Italia godono della fiducia “incondizionata” del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. A dirlo all’Ansa sono fonti di Palazzo Chigi dopo che il Fatto Quotidiano ha pubblicato la notizia di un’inchiesta aperta dalla Procura di Roma dopo un esposto dell’ex manager di Banca Intermobiliare Pietro D’Aguì preparato e firmato da Michele Gentiloni Silveri, cugino del capo del governo. Da Palazzo Chigi non si smentisce, come ha precisato la cronaca del Fatto, che il presidente del Consiglio fosse a conoscenza dell’esposto presentato in Procura già dall’inizio dell’estate. Ad ogni modo, spiegano dalla sede del governo, non c’è nessun collegamento tra l’inchiesta e eventuali valutazioni del governo in vista della scadenza del mandato del governatore Ignazio Visco, che cade a novembre.