Un’ostetrica del reparto di ginecologia nell’ospedale di Senigallia, in provincia di Ancona, si è ammalata di morbillo. A dare notizia del caso, segnalato il 25 agosto dalla Direzione sanitaria della struttura, è la regione Marche che, in una nota, spiega anche che la donna “non era vaccinata“. Assente per malattia da domenica 20 agosto, l’informazione è stata passata qualche giorno dopo al servizio Isp – Malattie infettive del Dipartimento di prevenzione, che ha aperto un’indagine.

Un fatto che ha acceso i riflettori sulla copertura vaccinale degli operatori sanitari. “Siamo di fronte purtroppo ad una situazione preoccupante – dichiara Fabrizio Volpini, presidente della Commissione sanità di Regione Marche -. A livello nazionale circa il 30% dei casi di morbillo che si sono riscontrati riguarda personale sanitario non vaccinato. Per questo si sta studiando un provvedimento che permetta anche al personale sanitario non vaccinato di accedere alla vaccinazione”.

Intanto si procede con gli accertamenti e le ricerche delle pazienti venute in contatto con l’ostetrica: due familiari della donna, due genitori di neonati e un operatore sanitario sono stati vaccinati. Come da circolare del ministero della Salute, l’ospedale sta provvedendo a sentire le pazienti assistite dalla donna anche nei giorni precedenti al 20 agosto, per monitorare l’eventuale comparsa di segni e sintomi compatibili con il morbillo o all’incubazione della malattia. La regione assicura che è stato predisposto anche un percorso per un’eventuale terapia con immunoglobuline.

“Vista la necessità di ricostruire rapidamente i contatti avuti dalla ostetrica malata nei probabili giorni di incubazione della malattia – si legge nella nota della Regione Marche – è stato costituito un primo gruppo di lavoro con la partecipazione dei medici del Dipartimento di prevenzione, la direzione infermieristica per turni operatori, pronto soccorso, Direzione medica ospedaliera, divisione ostetricia e pediatria”

Nelle Marche sono stati 53 i casi accertati nel corso del primo semestre 2017, in quella che la regione definisce “un’epidemia di morbillo”. Sui 53 i casi di morbillo da inizio anno l’89% non era vaccinato, il 4% ha ricevuto solo una dose di vaccino, e nel 7% dei casi lo stato vaccinale non era noto. Numeri che vanno confrontati con gli anni precedenti. Stando ai dati della regione, erano stati 7 i casi nel 2016, uno nel 2015, 41 nel 2014, 56 nel 2013 e 14 nel 2012.

“La copertura vaccinale nei bambini a 24 mesi per una dose di vaccino contro morbillo, parotite, rosolia (Mpr) nel 2016 nelle Marche è stata dell’83%, mentre la media italiana è dell’87%. Contro i dettami dell’Oms. “L’Organizzazione mondiale della sanità fissa al 95% la soglia di sicurezza minima per la copertura dei vaccini – continua Fabrizio Volpini – al di sotto del 95% gli agenti patogeni continuano a circolare, mettendo a repentaglio la salute di tutti. Questa è la soglia correlata alla cosiddetta ‘immunità di gregge’: infatti, se almeno il 95% della popolazione è vaccinata, si proteggono indirettamente anche coloro che, per motivi di salute, non è stato possibile sottoporre alla vaccinazione”.

Il caso dell’ostetrica entra nel vivo del dibattito sulle vaccinazioni, che solo un mese fa sono diventate obbligatorie per l’iscrizione a scuola. Il 28 luglio il Parlamento ha dato via libera al decreto Lorenzin che prevede un certificato o un’autocertificazione su 10 vaccinazioni quali requisiti d’accesso all’istruzione per i bambini da 0 a 6 anni.