La satanista scrive al comunista: basta demonizzare i seguaci del culto di Satana. Perché è una “discriminazione religiosa”, anzi “è una vergognosa macchia sul candido vestito della nostra Costituzione”. Parola di Jennifer Crepuscolo, fondatrice e anima dell’Unione Satanisti Italiani (USI), quasi un sindacato esoterico di categoria nato ormai sette anni fa con un seguito forte soprattutto in rete. Che non ha preso bene l’uscita di un consigliere regionale dell’Abruzzo intenzionato a depositare una proposta di legge per creare “un’apposita task force per combattere, nella maniera più efficace possibile, il dilagante fenomeno della devozione al Maligno​ nel teramano​”.

Questo deve fare la politica, di concerto con le Forze dell’Ordine, secondo Leandro Bracco, consigliere di Sinistra Italiana, ex Idv in rotta col partito, poi ex pentastellato espulso da Grillo e infine approdato a Sinistra Ecologia e Libertà. Annaspando, va da sé, tra altre emergenze, terremoto in primis.  Lo ha raccontato il Fatto Quotidiano dando conto dei segnali che, a detta di Bracco, indicherebbero una preoccupante escalation di episodi a sfondo satanico: il suicidio in circostanze sospette di una 19enne di Tortoreto nel 2015 sul cui cellulare si scoprì il messaggio “Grazie per esserti donata”, poi un crocifisso rovesciato e simboli satanici nella grotta di Sant’Angelo, a Civitello del Tronto. Tre mesi fa la scoperta di riti inneggianti al maligno a Giulianova e giovedì 10 agosto, sempre nella città giuliese, la decapitazione di una statua della Vergine a ridosso del santuario della Madonna dello Splendore. Segni inequivocabili per Bracco, “supposizioni ​e strumentalizzazioni ​dettate da ignoranza e pregiudizio” per la satanista, che nella sua lettera-appello definisce l’uscita del consigliere  “l’ennesima campagna di antisatanismo volta a generare allarmismo”.

Jennifer Crepuscolo, passato tormentato e presente da guida spirituale di un satanismo che si proclama inoffensivo e intimista, non ci sta: ​dalla Sicilia dove vive ​prende carta e penna e scrive una lettera​​ al consigliere abruzzese, oltremodo garbata, che diventa un pamphlet a sfondo politico-religioso. In cui spiega che il satanismo praticato dagli “spirituali” non è niente di acido, mai la predicazione di violenza o rituali macabri, qui e là accenni mistici a origini pagane perdute nella notte dei tempi sotto i colpi delle persecuzioni dell’Occidente cristiano. Insomma questo satanismo non è fuori dal mondo e in contrapposizione alla società ma dentro di essa.

“A scriverle questa lettera è una Satanista, una seguace del Culto di Satana, una donna rispettosa della legge italiana e che non identifica nel proprio Dio il “maligno”. In Italia, sebbene i più facciano finta di non vedere (o semplicemente non ne siano al corrente), i Satanisti come me sono migliaia, persone comuni, giovani e adulti, di ogni ceto sociale, dal liceale al padre e madre di famiglia, dall’avvocato all’operaio. Persone che hanno un Dio diverso dal suo, un Dio che il Cristianesimo ha demonizzato, ma che per noi non rappresenta il male. Tuttavia, nonostante noi Satanisti siamo persone normali e rispettose della legge, ci troviamo continuamente discriminati per il nostro culto, continue vittime del terrorismo psicologico perpetrato dalla religione predominante”.

Dallo scritto pro-satanisti emerge un singolare attaccamento a valori civili come la Costituzione, le libertà personali e una visione politica quasi antagonista da “minoranza ingiustamente perseguitata”. Le parole Libertà e Giustizia, per dire, sono maiuscole nel testo. Al telefono con IlFattoQuotidiano.it la satanista si professa perfino tollerante e solidale: “Far finta di nulla e abbassare la guardia di fronte a forme di propaganda liberticide è dannoso, basti pensare alla Russia e come recentemente ha messo al bando i testimoni di Geova. Capirai che io non son certo a favore dei Testimoni, ma credo anche che tutti debbano poter essere liberi e non perseguitati per le loro idee, religiose, politiche o ideologiche che siano”.

Un altro elemento è la malizia nel contestare il fatto che la proposta caccia-satanisti arrivi da un consigliere di Sel, quindi di sinistra o assimilabile, che sarebbe meno titolato di tutti a promuovere “una legge liberticida”: “Ora mi chiedo, proprio lei che appartiene alla sinistra può davvero promuovere una legge che contribuisce all’istigazione all’odio e alla discriminazione religiosa? È dunque questa la Sinistra? Riempirsi la bocca di parole come libertà e uguaglianza e poi vessare le minoranze e le voci fuori dal coro?”.

​Jennifer Crepuscolo contesta anche l’oggetto ​della proposta di Bracco: “Se volete fare delle “task force” fatele contro la criminalità, contro chi viola la legge italiana, contro chi realmente fa del male, e non contro chi semplicemente ha un Dio diverso dal vostro, eterna vittima della vostra intolleranza. Noi non pretendiamo che la gente condivida il nostro credo, né ci interessa limitare la libertà d’opinione di chi critica il Satanismo. Ciò che mi sta a cuore è semplicemente il rispetto umano per l’in​di​viduo, al di là della sua religione”. Insomma la satanista ribatte alla politica colpo su colpo, spendendo anche il “peso” della propria comunità che finora​ ​si incontra ​prevalentemente in rete e non oggettiva ​la sua presenza ​fuori da quella​.​

Ma non è detto che sarà sempre così. “Siamo migliaia”, ricorda. ​”Certo che paghiamo il prezzo di una mancanza di rappresentatività nelle sedi istituzionali e in Parlamento. Io personalmente non mi candiderei mai, ​non mi piace la politica e mi potrei interessare ad essa solo se cambiasse il sistema”. Ma non è detto che qualche spirito libero prima o poi lo faccia. ​E che visto il diavolo di leggi che escono dalle Camere, non l’abbia già fatto.