“Prego, faccia lei. Arrivederci”. Tiberio Timperi, conduttore di Uno Mattina Estate, risponde così, prima di lasciare lo studio, a Vincenzo Ferrandino, sindaco del comune di Ischia, che continuava a parlare incurante delle interruzioni del conduttore per sanare quelli che, a suo avviso, sono i “gravi danni” che la tv sta provocando all’isola campana, “più gravi del terremoto”. Secondo Ferrandino, il tema dell’abusivismo edilizio sull’isola è stato cavalcato a dismisura dai mezzi di comunicazione, causando danni economici al settore turistico ischitano.

Timperi, in studio a Roma, ha provato a interrompere il primo cittadino, salvo arrendersi quando lo stesso ha affermato di “dover parlare perché ho un ruolo di dignità da difendere”. Il fumantino conduttore si è spazientito e ha abbandonato lo studio, mentre Ferrandino continuava a parlare di “informazione scorretta”. Al ritorno in studio, Timperi ha provato a riprendere in mano le redini della discussione, rivendicando il diritto e il dovere di raccontare gli eventi che arrivano da Ischia.