Non scioglie la riserva ma lascia aperta la porta, Vasco Errani, a margine della conferenza stampa di oggi a Palazzo Chigi dove è stata confermata la fine del suo mandato di commissario per la ricostruzione, a un anno dalle scosse del sisma del 24 agosto scorso nel Centro Italia. “Arriverà un nuovo commissario”, conferma Errani. “Come ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni“. “La politica non c’entra niente con queste scelte”, chiosa il commissario per la ricostruzione. “Non sono affatto alla ricerca di poltrone”. Ma si candiderà con Mdp? “Parlerò di politica dopo la scadenza del mio contratto, il 9 settembre”. “Era un impegno e questi erano gli accordi. Ho fatto l’impianto della ricostruzione. Ora l’evoluzione ci sarà con un nuovo commissario e mettendo al centro il protagonismo del territorio: Comuni e Regioni. La criticità è strutturale. Si è trattato di quattro terremoti: ogni volta abbiamo dovuto ricominciare daccapo”