Disavventura sui cieli calabresi per Belen Rodriguez. Secondo il Quotidiano del Sud, infatti, la showgirl argentina è stata denunciata dal comandante di un aereo privato con il quale, assieme ad Andrea Iannone, stava andando da Ibiza alla Grecia. La Rodriguez avrebbe acceso una sigaretta in volo, facendo scattare l’allarme e costringendo il pilota a un atterraggio di emergenza a Lamezia Terme. Belen ha affermato che si trattava di una sigaretta elettronica, ma l’equipaggio sostiene che trattavasi di una sigaretta tradizionale.

Nella notte tra mercoledì e giovedì, dunque, Rodriguez e Iannone sarebbero stati costretti a scendere a Lamezia, mentre il personale Enac e la polizia effettuavano i controlli a bordo. Alle domande degli inquirenti, l’ex signora De Martino ha risposto asserendo di aver fumato solo una sigaretta elettronica e di averne accesa un’altra perché, dopo l’attivazione dell’allarme antifumo, il pilota l’aveva fatta innervosire comunicando in ritardo di dover effettuare un atterraggio di emergenza.

La disavventura per una delle coppie più chiacchierate dell’estate è finita solo alle 2.20 di notte, quando è arrivato in Calabria un nuovo aereo privato. L’aereo su cui viaggiavano Rodriguez e Iannone era ancora sottoposto a sequestro e comunque il comandante aveva già fatto sapere di non voler proseguire il viaggio.