Alla fine Channel 4 ha fatto quello che aveva promesso: ha mandato in onda, il 6 agosto, il documentario sui nastri in cui la principessa Diana raccontava alcuni dettagli molto privati della propria vita matrimoniale. Dalle parti di Buckingham Palace pare abbiano provato davvero di tutto pur di convincere il network inglese a lasciar perdere, esattamente come aveva fatto la Bbc qualche anno fa. E invece gli sfoghi della “Principessa del popolo” durante le sedute con il vocal coach Peter Settelen sono regolarmente andati in onda, con tutto il loro carico di rivelazioni (in gran parte già uscite) su Carlo, Camilla, la Regina, le relazioni extraconiugali della stessa Diana e quel lungo incubo che è stato il matrimonio del secolo tra il principe di Galles e la giovane Spencer.

Tra le tante cose dette da Diana, risalta una intimissima rivelazione sulla vita sessuale con il marito, visto che prima della separazione ufficiale, i due non avrebbero fatto sesso per sette anni. Non ne escono bene neppure la regina Elisabetta e il principe Filippo, visto che la prima, rispondendo a una disperata richiesta d’aiuto di Diana, avrebbe risposto “Non so cosa dovresti fare. Carlo è senza speranza”, mentre il vecchio duca di Edimburgo, sempre secondo la viva voce di Diana, avrebbe incoraggiato Carlo a tradirla. Ma Lady D, nel corso delle registrazioni con Settelen, ha parlato anche di se stessa e delle sue relazioni extraconiugali, soprattutto di quella con Barry Mannakee, guardia del corpo di cui era “profondamente innamorata”. “Ero felice solo quando stavo con lui”, rivela Diana. Peccato, però, che Mannakee presto venne licenziato proprio a causa dei rumors di palazzo e tre settimane dopo sarebbe morto in un misterioso incidente stradale.

Nelle oltre cinque ore di registrazioni, non poteva mancare una lunga parte dedicata a Camilla Parker Bowles, storica amante di Carlo e oggi sua sposa e Duchessa di Cornovaglia. Diana si era più volte lamentata con il marito per la presenza ossessiva di Camilla nella loro vita, ma il futuro re d’Inghilterra aveva risposto senza battere ciglio: “Mi rifiuto di essere l’unico principe di Galles senza un’amante!”. E visto che a Palazzo nessuno sembrava darle retta, Diana alla fine trovò il coraggio di affrontare direttamente la rivale, nel corso di un ricevimento: “Mi sono avvicinata a lei e ho detto: ‘So cosa succede tra te e Carlo e volevo che lo sapessi. Voglio mio marito. Mi spiace, ma vi sto tra i piedi e per voi sarà un inferno. Non trattarmi come un’idiota perché so tutto”.

Lo speciale di Channel 4, intanto, ha ottenuto ottimi ascolti: 3,5 milioni di media, 4 milioni di picco. E in Gran Bretagna è tornata l’ossessione Diana, a poche settimane dal ventesimo anniversario dalla morte. I tabloid sono di nuovo a caccia di notizie vere o presunte tali, nuove rivelazioni, particolari inediti della vita della principessa. L’ultimo, in ordine di tempo, è quello su un prete di origini italiane, Frank Gelli, a cui Diana si sarebbe rivolta poche settimane prima di morire per sapere se avrebbe mai potuto sposare Dodi.