Alice Zanardi, sindaca Pd di Codigoro (Ferrara), entrata nell’occhio del ciclone per il suo discusso comunicato, fa un passo indietro e riceve in diretta, nel corso de L’Aria che Tira Estate (La7), la “benedizione” del deputato Pd, David Ermini. L’esponente dem era finita alla ribalta delle cronache per aver diramato una nota con cui annunciava aumenti fiscali e controlli sanitari nelle abitazioni di quei cittadini che avessero ospitato profughi. E corregge il tiro su La7: “Non mi aspettavo questo clamore e non era mia intenzione creare un caso mediatico riguardante, tra l’altro, una comunità che sta accogliendo. E’ anche per questo motivo non vedo il motivo per cui questa notizia debba apparire a livello nazionale. La mia era semplicemente una provocazione. Volevo mettere un punto a una situazione che stava diventando ingestibile quando abbiamo superato la soglia in modo esagerato, anche secondo i miei cittadini. Forse non ci si rende conto dell’impatto che ha il numero di profughi che arrivano nelle piccole comunità”. E assicura: “Il mio pensiero e i miei principi sono di sinistra. Io vengo dal mondo del volontariato, sono sempre stata a favore della solidarietà e dell’accoglienza. Nessuno può mettere in dubbio questa cosa. Sono andata dal prefetto perché avevo un problema nella mia comunità, chiedendo aiuto e cercando di risolvere questo problema. Se c’è una regola” – continua – “questa va rispettata da tutti. I Comuni che in Italia fanno il proprio dovere con l’accoglienza, come ho fatto io, sono davvero pochi. E io non solo sto accogliendo, ma a Codigoro vengono tutti i profughi dei Comuni limitrofi per frequentare i corsi di alfabetizzazione in una mia associazione di volontariato. Non possono arrivare, però, tutti da me, ci sono dei Comuni vicino al mio che non accolgono ”. Poi rivela: “Non ho sentito Renzi. Probabilmente ho sbagliato con questa provocazione, però anche Renzi stesso dice: ‘Aiutiamoli a casa loro’. M5s? Io veramente non sono d’accordo a prescindere col pensiero dei 5 Stelle