Marc Marquez vince in scioltezza il gran premio della Repubblica Ceca, in una gara condizionata dal cambio moto nei primi giri, per via dell’asfalto del circuito di Brno che andava velocemente asciugandosi dopo la pioggia caduta prima delle ore 14. Lo spagnolo è stato il più abile (e fortunato) di tutti a capire che era necessario montare subito le gomme da asciutto: nel primo giro non riusciva a seguire il ritmo degli altri. Una mossa con cui ha conquistato la vittoria, che gli permette di allungare in testa alla classifica Mondiale. Non si può dire lo stesso di Valentino Rossi, che ancora una volta ci ha messo troppo (tre giri) prima di capire che era il momento di rientrare ai box. Poi il Dottore ha regalato spettacolo, recuperando dalla 11esima posizione fino al quarto posto.

Sul podio Daniel Pedrosa e Maverick Vinales, rientrati per il cambio moto un giro prima di Rossi. Ora lo spagnolo della Yamaha è distante 14 punti da Marquez. Sono invece 21 i punti di distacco per Andrea Dovizioso, giunto al traguardo sesto con la sua Ducati. Un punto più indietro Valentino, che in condizioni di gara regolare avrebbe potuto puntare alla vittoria e si ritrova invece a perdere ancora in classifica. Solo 15esimo Jorge Lorenzo, che aveva chiuso in testa il primo giro ma è poi scivolato indietro quando la pista si è via via asciugata. Ora appuntamento, già tra una settimana, con il gran premio d’Austria.

In Moto3 ha vinto il leader del Mondiale Joan Mir, precedendo nel finale in volata l’italiano Romano Fenati. Sul podio anche lo spagnolo Aron Canet. In Moto2 lo svizzero Luthi vince una gara partita sull’asciutto, interrotta per la pioggia e ripartita con soli 6 giri. E si avvicina in classifica all’italiano Franco Morbidelli (ottavo), dimezzando il distacco da -34 a -17. Secondo Marquez, terzo Oliveira. Scivolato Pasini, protagonista nella prima fase.