Le campagne pubblicitarie Ikea sono, da sempre, tra le più originali ed efficaci, soprattutto sul web. Stavolta, però, i creativi della compagnia svedese hanno superato se stessi. Il canale YouTube di Ikea Italia, infatti, poco più di una settimana fa ha pubblicato una serie di video promozionali per il lancio del nuovo catalogo che prendono spunto dalla sempre più diffusa febbre complottista che pervade i social network.

Otto video per otto cataloghi di anni diversi, ognuno dei quali nasconderebbe segnali inequivocabili di cose che si sarebbero puntualmente verificate nell’anno in oggetto. È tutto ironico, ovviamente, ma è così assurdo che sembra persino credibile, almeno per chi è abituato a credere alle teorie più assurde su questo o quel complotto ordito da chissà chi. E allora, nel catalogo del 2000 ci sarebbe la previsione del Millennium Bug e del fatto che alla fine non era nulla di più di una bufala allarmistica, mentre nel catalogo 2016 ecco i segni evidenti della Brexit e dell’uscita del Regno Unito dalla Gran Bretagna. Con una voce alla Adam Kadmon e una narrazione alla Voyager, gli otto video di Ikea colgono nel segno e sfruttano (e sfottono) le fobie complottarde con la consueta e geniale efficacia promozionale.