Ormai da qualche mese impazzano su social e siti di news “leggere”, ma con l’arrivo dell’estate i “fake nipples” (capezzoli finti) sono naturalmente tornati in auge. Ma a cosa serviranno mai dei capezzoli finti? La risposta è molto semplice: a dare l’impressione di averli sempre turgidi e ben visibili sotto t-shirt, costumi da bagno e vestiti da sera. E l’ondata di caldo furioso di quest’estate bollente non aiuta, visto che è il freddo a dare una mano all’effetto sull’attenti che tanto piace a uomini e donne.

Curiosi? Volete provarli? Sul sito di una curiosa impresa americana, infatti, è possibile acquistare due diverse tipologie di capezzoli finti: con 10 dollari (9,99, per essere precisi), arriveranno a casa vostra quelli monouso, giusto per vedere l’effetto che fa. Se volete investire qualcosa in più, invece, con 24,99 dollari sarà vostro il modello riutilizzabile (fino a dieci volte, recita il sito). E per ogni tipologia è possibile scegliere tra la versione per donne bianche e donne di colore ma soprattutto tra versione “cold” e “freezing”, cioè tra diverse taglie e gradi di turgidezza.

A quanto pare anche alcune donne molto famose dello showbiz si sono affidate ai capezzoli adesivi (da indossare direttamente sul seno o anche sul reggiseno) tra cui Kim Kardashian e Jennifer Aniston e Just Nips è così preoccupata della resa del vostro acquisto, che sul suo sito dedica alle clienti un vero e proprio tutorial illustrato per non sbagliare nulla.