Nell’ipotetica, e neanche tanto, classifica delle fonti di stress quando ci si mette in macchina per andare in vacanza, al primo posto c’è senza dubbio il traffico. Ma per chi ha bambini, magari piccoli, subito dopo si piazza la domanda di rito dei pargoli: “quando arriviamo?”. Che un conto è farla dopo qualche ora di viaggio, un altro quando si è lasciato da dieci minuti il vialetto di casa, come quasi sempre succede.

Che fare? Beh, senza dubbio attrezzarsi con giochi, letture (ma poi viene il mal di stomaco…), tablet e lettori dvd. Una messe di diversivi per tenerli a bada, che fatalmente diventa essa stessa fonte aggiuntiva di confusione. E se la soluzione fosse invece semplice quanto “antica”? Come quella che è venuta in mente agli uomini del marketing Hertz: trasformare l’abitacolo di un’auto in un gigantesco foglio bianco, che i bambini possono disegnare a loro piacimento. Ebbene si: sedili, tetto, sportelli e quant’altro da colorare con pastelli messi a disposizione dalla stessa multinazionale del noleggio.

“Orrore e raccapriccio”, penseranno i papà che alla macchina (e alla tappezzeria) pulita ci tengono. Niente paura, la vettura da impiastricciare è una show-car unica piazzata all’aeroporto londinese di Heathrow. Per vedere l’effetto che fa a famiglie e bambini, e se del caso proporla come soluzione di noleggio per il futuro. A proposito, si chiama Colouring-In Car: bella idea, no?